/ Attualità

Attualità | 11 maggio 2023, 19:07

Carenze di personale al Santa Croce, allarme Nursing Up: "In aprile al Pronto Soccorso già fatte 1.500 ore di straordinario"

Il sindacato degli infermieri: “Regione e Aso procedano con le assunzioni”

Carenze di personale al Santa Croce, allarme Nursing Up:  "In aprile al Pronto Soccorso già fatte 1.500 ore di straordinario"

Il Nursing Up denuncia "la situazione di estrema difficoltà che si verifica a causa della carenza di personale" che ogni giorno infermieri e professionisti dalla sanità vivono all’Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo. "Una situazione davvero al limite – la descrive il sindacato degli infermieri e delle professioni sanitarie che va affrontata e risolta una volta per tutte e subito, perché coloro che lavorano nella struttura sanitaria, a causa di elevati carichi lavorativi e straordinari, sono allo stremo delle forze".

"Nel 2022 – rileva il sindacato in una nota – il personale sanitario del Santa Croce e Carle di Cuneo ha accumulato ben 60mila ore di straordinario. Quest’anno, per prendere un mese campione, ad aprile, solo nel reparto Pronto Soccorso, sono già state effettuate circa 1.500 ore di straordinario. Cifra enorme, che è pari al debito orario di un infermiere per un anno intero di lavoro. Non è più tollerabile che si continui così".

Il segretario regionale Nursing Up del Piemonte, Claudio Delli Carri, assieme al segretario provinciale Nursing Up di Cuneo, Giovanni Mariano, chiedono l’immediato e risolutivo intervento della Regione, e della Direzione dell’Aso di Cuneo, con nuove e tempestive assunzioni a tempo indeterminato.

Al Santa Croce e Carle mancano almeno 50 infermieri – attaccano Delli Carri e Mariano -. Sulle assunzioni che da anni chiediamo e di cui più volte si è parlato non si è mai fatto nulla. Si tratta di una situazione allucinante, in cui il personale al lavoro è stanco e sfibrato, e con la stanchezza si sa che gli errori possono aumentare. Davvero non se ne può più". 

"Domani, 12 maggio – proseguono – sarà la Giornata Internazionale dell’Infermiere, una ricorrenza che per noi è un giorno di festa e di celebrazione di una professione straordinaria, fondamentale negli ospedali che è la spina dorsale della sanità moderna. A Cuneo, però, non ci sarà proprio nulla da festeggiare, per la mole di lavoro davvero enorme a cui si dovrà fare fronte. E con la situazione attuale, come verrà affrontato il periodo estivo? Ci sarà personale sufficiente a coprire i servizi?”.

Concludono Delli Carri e Mariano: “Pretendiamo dalla Regione e dall’Aso risposte immediate e azioni tempestive sulle assunzioni, perché così non si può più andare avanti. Se non avremo le giuste risposte entro tempi brevissimi, siamo pronti ad usare ogni strumento che la normativa ci mette a disposizione per difendere i colleghi e far sentire la nostra voce a tutela dei servizi erogati ai cittadini”.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium