ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 20 aprile 2023, 11:03

Cuneo, al sit-in 'Caro sindaco, trascrivi' anche la sindaca Manassero

La manifestazione è stata convocata per sollecitare i sindaci a trascrivere i figli delle coppie gay e per chiedere al parlamento di legiferare. Blengino: "Chiamiamo le cose con il loro nome, la politica del Governo è criminale"

Cuneo, al sit-in 'Caro sindaco, trascrivi' anche la sindaca Manassero

Anche la Sindaca di Cuneo Patrizia Manassero, accompagnata dall'Assessora Cristina Clerico, ha partecipato al sit-in promosso da +Europa Granda, Radicali Cuneo "G. Donadei", ApertaMente e Giovani Democratici Federazione provinciale di Cuneo. Il sit-in è stato convocato per "sollecitare i Sindaci a trascrivere i figli delle coppie gay e per chiedere al parlamento di legiferare".

"Dobbiamo iniziare a chiamare le cose per come sono, e la politica di questo Governo è semplicemente criminale - ha esordito Filippo Blengino, Segretario di Radicali Cuneo e Tesoriere di +Europa Granda - . Dopo aver criminalizzato le ONG che salvano vite in mare, vietato la ricerca sulla carne coltivata, proposto innalzamento di pene sulla cannabis, ora se la sono presa con i più innocenti di tutti: i bambini. Noi chiediamo al Parlamento di legiferare affinché si riconoscano i figli delle coppie gay e agli amministratori di dare un forte segnale".

Dopo Blengino è intervenuta la Sindaca di Cuneo Patrizia Manassero: "Come Sindaca parteciperò all'iniziativa del 12 maggio a Torino per far fronte comune e pressione al Parlamento affinché legiferi sulla questione".

"Da avvocato - ha aggiunto Antonio Dell'Aversana, Segretario di ApertaMente - non posso non parlare delle contradditorie sentenze sul tema. La Corte costituzionale nel 2021 ha sollecitato il parlamento a legiferare. A distanza di anni però non si è ancora discusso nulla. Non nutro forti speranze in questo Parlamento, ma serve una risposta politica a questa situazione".

Francesco Fragolino, Segretario Provinciale dei Giovani Democratici ha aggiunto: "Sui diritti civili dobbiamo continuare a battere. È intollerabile che si continuino a fare discriminazioni e si emarginano le minoranze".

"Il Governo ha scorrettamente spostato il dibattito sul tema della Gestazione per altri - ha concluso Flavio Martino, Coordinatore di +Europa Granda - quando l'oggetto sono i diritti dei minori dei figli delle coppie omogenitoriali, che non devono essere discriminati".

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium