ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 20 aprile 2023, 18:30

Juve, processo da rifare: tolti (al momento) i 15 punti in meno. La penalizzazione andrà ricalibrata

Il verdetto del Collegio di Garanzia dello sport per il caso plusvalenze accoglie solo in parte il ricorso Juve, rinviando tutto alla Corte d'Appello. Accolto in toto il ricorso di Pavel Nedved, non quelli di Agnelli e Paratici

Juve, processo da rifare: tolti (al momento) i 15 punti in meno. La penalizzazione andrà ricalibrata

Processo plusvalenze da rifare: la Juve vedrà probabilmente una riduzione della penalizzazione in classifica, ma non si sa di quanti punti e quando. A stabilirlo è il verdetto del Collegio di Garanzia dello sport, che ha giudicato la Juventus per il caso plusvalenze. Accolto dunque solo in parte il ricorso bianconero: si dovrà infatti tornare alla Corte d'Appello Federale per un nuovo processo e nel frattempo verranno tolti (momentaneamente) i 15 punti di penalizzazione in classifica.

Grande delusione per il mondo bianconero, dopo che ieri era montato l'ottimismo in seguito alle parole del procuratore Taucer che aveva chiesto proprio di rimandare indietro il processo per una rimodulazione della pena. La speranza dei tifosi e della società era quella dell'annullamento in toto della sentenza, con l'annullamento della penalizzazione e dell'inibizione ai dirigenti. Invece l'unico ricorso accolto in pieno è stato quello di Pavel Nedev, mentre sono stati respinti quelli di Andrea Agnelli e Fabio Paratici.

Ora il Collegio di Garanzia dello Sport ha un mese di tempo per dare le motivazioni della decisione. Poi toccherà alla Corte d'Appello rimodulare la sentenza: da una semplice ammenda a una penalizzazione ridotta (la procura aveva inizialmente chiesto 9 punti), fino alla conferma del -15. A quel punto, la Juventus potrà nuovamente presentare ricorso al CONI, che a sua volta avrà altri 60 giorni per fissare un'altra udienza. Insomma, il campionato finirà certamente con una classifica con l'asterisco. E con un bel punto interrogativo sulle squadre che potranno partecipare alla prossima edizione delle Coppe Europee.

Ieri il colpo di scena dalla procura

Ieri, nel suo intervento conclusivo, il Procuratore generale dello Sport Ugo Taucer, aveva affermato che le motivazioni dell'accusa erano in qualche modo carenti: "Temo che riguardo all'articolo 4 applicato alla società, sulla carente motivazione riguardo ai punti, un principio di fondatezza delle difese ci sia. Auspico il rinvio alla Corte d'appello federale con rimodulazione della sanzione".

Insomma, una richiesta di rivedere quanto era stato comminato alla Juventus, quasi uno schiaffo al giudice Torsello. Di contro, i legali bianconeri avevano risposto chiedendo l'immediata cancellazione del -15 in classifica che era stato affibbiato ai bianconeri lo scorso gennaio, ritenendo la precedente sentenza “sbagliata e da annullare senza rinvio alla corte”.

I legali della Juve: "Applicare il diritto e cancellare il -15"

I legali del pool in difesa della Juventus (Nino Paolantonio, Angelo Clarizia, Maurizio Bellacosa, David Sangiorgio, Flavia Tortorella, Nicola Apa) rivolgendosi al Collegio di Garanzia dello sport avevano invece affermato: "I nostri non sono cavilli. A noi non interessano le polemiche, le dietrologie, le soluzioni politiche, chiediamo l’applicazione serena e rigorosa delle norme di diritto”.

Daniele Angi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium