/ Attualità

Attualità | 01 marzo 2023, 12:40

A Sommariva del Bosco c’è bisogno di un nuovo asilo nido

Il gruppo di minoranza SdB+ ha sollecitato il comune all’adesione ai bandi PNRR proponendo la sede delle ex scuole elementari come nuova location. Interrogazioni e interpellanze su varie questioni cittadine

A Sommariva del Bosco c’è bisogno di un nuovo asilo nido

Anche a Sommariva del Bosco ci sono carenze nei servizi per le famiglie con bimbi piccoli.

Nel consiglio comunale di sabato scorso il gruppo di minoranza SdB+ ha evidenziato come l’esiguità dei posti disponibili nel baby parking attuale, convenzionato con il comune, sta diventando un problema.

In teoria si dovrebbero garantire almeno 33 posti in asilo nido ogni 100 bambini della fascia 0-3 anni , mentre il servizio attuale arriva ad una percentuale del 12,9%, molto inferiore rispetto anche ai paesi del territorio, creando una situazione di svantaggio all’occupazione delle donne con figli.

Senza contare che la presenza di un servizio di asilo nido favorisce la conciliazione dell’attività lavorative e migliora il tasso di natalità, già particolarmente basso, con gravi conseguenze sull’andamento futuro della popolazione.

Andrea Pedussia, come capogruppo di SdB+, chiarisce: “Quel che abbiamo proposto al comune è un 'pacchetto' in cui si preveda la realizzazione del nido al piano terra delle ex-scuole elementari dove c’è spazio a sufficienza, anche per un possibile ampliamento, con cortile e parcheggi comodi. La maggioranza ha chiesto di inserire una possibile sede alternativa, proponendo la casa ex-fascio, dove però sono disponibili solo tre stanze e la proprietà è demaniale. Il nostro suggerimento è la creazione di un polo culturale aggregativo, spostando la biblioteca in piazza Seyssel, Via Donatori e Piazza Caduti per l’Italia, dove spiccano le due chiese di Sant’Orsola e San Bernardino, già oggi “luoghi di cultura”. Pensiamo che nell’area devono trovare spazio, in un contesto architettonico qualificato, sia la biblioteca comunale ,sia adeguati ambienti (aperti e coperti) di aggregazione e di incontro, finalizzati alla socialità della comunità, in particolare dei giovani, e alle iniziative socio-culturali. Invitiamo il comune ad avanzare la candidatura al PNRR entro la scadenza del prossimo maggio”.

L’attuale primo cittadino Marco Pedussia ha replicato: “Abbiamo accettato di convocare il consiglio straordinario e sentito le proposte della minoranza che in parte accogliamo per quel che è fattibile. Valuteremo con attenzione tutte le possibilità e aderiremo al PNRR missione 4, perché sappiamo quanto è necessario aumentare l’offerta di accoglienza dei piccoli nell’asilo: sceglieremo la sede più opportuna”.

Nel consiglio comunale si sono discusse anche due interpellanze e una interrogazione, presentate sempre dalla minoranza di SdB+.

La prima interpellanza riguardava il percorso 'Fiaba della Bella Addormentata', realizzato nel 2012, che da oltre tre anni è completamente abbandonato e inutilizzabile a causa dell’azione dei vandali.

Continua Andrea Pedussia: “Parte del percorso era già stato in parte smantellato e sminuito alcuni anni fa. La maggioranza si è impegnata a risistemare il percorso insieme all’inaugurazione di quattro nuovi sentieri predisposti dall’Eco Museo delle Rocche del Roero: verificheremo nelle prossime settimane l’impegno a ripristinare un patrimonio di tutta la comunità”.

Anche in questo caso la replica dell’attuale primo cittadino è conciliante: “Sicuramente è una nostra priorità il rilancio del percorso della Fiaba della Bella Addormentata in un progetto globale di aumento dell’offerta sentieristica del Roero già in atto, a cui Sommariva partecipa con la convinzione che trekking e cicloturismo sono traini importanti per il turismo del Roero”.

Alla seconda interpellanza sullo stato di degrado della pavimentazione in sassi e porfido sulla bella piazza del Santuario della B.V. il sindaco ha evidenziato come sia nei programmi primaverili di manutenzione delle pavimentazioni la sistemazione del selciato di questa piazza.

L’ultima interrogazione presentata dalla minoranza riguardava i costi sostenuti per la nevicata di metà dicembre che ha causato molti disagi, evidenziando una notevole disorganizzazione. La spesa complessiva per la nevicata è risultata essere molto onerosa: circa 22.000 €, tra cui circa 3.000 € per ripulire il concentrico per l’iniziativa natalizia di domenica 18 Dicembre.

Silvano Bertaina

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium