/ lavocedialba.it

lavocedialba.it | 27 gennaio 2023, 07:15

27 gennaio: un Giorno della Memoria lungo un anno con il Caffè Letterario di Bra

Finestra aperta sull’arte per raccontare l’orrore dell’Olocausto e non dimenticare mai

Un disegno manga di Manuela Fissore

Un disegno manga di Manuela Fissore

«Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici: considerate se questo è un uomo, che lavora nel fango, che non conosce pace, che lotta per un pezzo di pane, che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, senza capelli e senza nome, senza più forza di ricordare, vuoti gli occhi e freddo il grembo, come una rana d’inverno…».

Queste parole di Primo Levi sono rimaste scolpite nella memoria collettiva. Niente è più inimmaginabile degli orrori prodotti dalla volontà sistematica dell’essere umano di annientare l’essere umano.

Per ricordare ciò che è stato, il 27 gennaio (data in cui l’Armata Rossa, nel 1945, liberò il campo di concentramento di Auschwitz, uno dei più orrendi scenari della persecuzione razziale nazista) è stato istituito il Giorno della Memoria, una triste ricorrenza che ha il fine di tenere viva l’esperienza delle vittime della Shoah e del Nazifascismo.

Dal 2000 quindi, in occasione di questa data, vengono organizzate in tutta Italia iniziative e incontri per tornare a riflettere su questi terribili fatti, per non dimenticare mai. È importante ricordare avvenimenti che hanno distrutto le vite e i sogni di intere famiglie, bambini compresi, la cui innocenza si leggeva in quegli occhioni tristi e spenti, senza più alcuna speranza di sopravvivere.

Non solo ebrei, ma anche deportati militari e politici, omosessuali, malati, zingari e tanti morti rimasti senza nome e senza volto. Tra il 1933 e il 1945 le vittime dei nazifascisti furono dai 15 ai 17 milioni. Uomini e donne, anziani e bambini. Gli ebrei che scomparvero furono dai 5 ai 7 milioni. La Giornata della Memoria è il nostro omaggio a tutti loro.

Il tempo passa e si porta via poco a poco i protagonisti diretti della Shoa e gli eroi che, opponendosi al progetto di sterminio, a rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Le loro parole, però, restano nei libri, perché i ricordi dell’orrore non vadano perduti: «La memoria vale come vaccino contro l’indifferenza» (Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz).

E perché ricordare significa non ripetere gli stessi errori, le stesse atrocità commesse nei confronti di persone innocenti, “colpevoli” di appartenere a una determinata razza o di rappresentare certe differenze di pensiero e di vita.

Anche il Caffè Letterario di Bra celebra il “Giorno della memoria” e lo fa grazie alla disegnatrice Manuela Fissore, autrice di un’opera senza sconti di generazioni, che va al di là degli schieramenti, perché la guerra e le sue tragiche conseguenze sono uguali in ogni tempo e in ogni luogo.

Il suo manga è ispirato a “Il bambino con il pigiama a righe” di John Boyne (Rizzoli), il libro più letto nelle scuole per comprendere l’orrore dell’Olocausto. Siamo nel 1942, due bambini seduti a terra l’uno di fronte all’altro, uno vestito normalmente e l’altro con la testa rasata e un goffo completo, molto più grande della sua taglia, a fasce verticali bianche e nere. A dividerli c’è una rete metallica dal filo spinato molto alta. Sono Bruno e Shmuel, uno tedesco, di pura razza ariana e figlio di uno spietato comandante delle SS, l’altro un coetaneo ebreo prigioniero del lager di Auschwitz. Del nazismo a Bruno non importa, anzi ci tiene a rafforzare i suoi rapporti con Shmuel, tanto da convincersi ad oltrepassare la rete per aiutare l’amico e… preparate i fazzoletti (tanti).

Quello che infatti rende immortale la memoria dell’Olocausto è la letteratura e nulla è più opportuno di congedarci con i versi di Anna Frank. L’autrice del celebre Diario, scrisse la poesia Aprile nel 1943, un anno buio in cui imperversava la Seconda guerra mondiale e la parola “speranza” era destinata a scolorire come un acquerello.

Eppure la giovane, proprio lei che aveva perduto tutto, ci insegna a credere nel futuro, ad apprezzare la gioia dell’istante presente e a guardare al domani con rinnovato ottimismo. Da leggere per credere: «Prova anche tu, una volta che ti senti solo o infelice o triste, a guardare fuori dalla soffitta quando il tempo è così bello. Non le case o i tetti, ma il cielo. Finché potrai guardare il cielo senza timori, sarai sicuro di essere puro dentro e tornerai ad essere felice».

Anna Frank aveva scoperto il segreto per la felicità e ha voluto farcene dono. Un insegnamento prezioso che siamo certi lei abbia conservato sino alla fine dei suoi giorni, persino in quel drammatico 4 agosto 1944 quando i tedeschi fecero irruzione nel rifugio segreto, spegnendo il suo futuro.

Anna la purezza del cielo però l’aveva augurata anche a loro, ai nazisti, auspicando una possibilità di redenzione portata dal vento leggero d’aprile e da quell’azzurro così carico di promesse che sembra avvolgere ogni cosa, come una nuvola.

Silvia Gullino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium