/ Economia

Economia | 26 gennaio 2023, 15:53

La Camera di Commercio chiude il punto di accesso di Bra: troppo bassi​ gli accessi delle imprese

La decisione al termine dei 14 mesi di sperimentazione. Con la sede di Cuneo rimangono attive quelli di Alba, Mondovì e Saluzzo

Mauro Gola, presidente della Camera di Commercio di Cuneo

Mauro Gola, presidente della Camera di Commercio di Cuneo

Nel dicembre del 2021, grazie alla preziosa sinergia col Comune di Bra, l’ente camerale decise di aprire un punto di accesso nella città della Zizzola spinto dalla volontà di essere ancora più vicino al tessuto imprenditoriale istituendo un nuovo presidio sul territorio in considerazione dell’elevato numero di imprese del Braidese e della complessa situazione viaria della provincia.

Venne attivato un punto di accesso periodico, aperto inizialmente un giorno la settimana, che aveva come mission principale aiutare le imprese nel loro percorso di digitalizzazione attraverso il rilascio della CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e dello Spid.

I dati degli accessi in questi 14 mesi di apertura hanno tuttavia evidenziato numeri estremamente modesti. Lo sportello braidese non ha rappresentato uno specifico valore aggiunto all’azione dell’ente camerale, che deve essere improntata a canoni di efficienza e a una corretta valutazione del rapporto costi-benefici. Anche per questo l’apertura inizialmente prevista per un giorno alla settimana era diventata quindicinale, a causa dello scarso afflusso, ma anche questa nuova modalità operativa non ha portato i risultati attesi.

L’analisi dei dati della sperimentazione, già valutata dalla Giunta camerale, è stata illustrata in un incontro svoltosi a Bra il 16 gennaio al Comune di Bra e alle locali associazioni di categoria, che hanno condiviso e compreso la conseguente scelta dell’istituzione camerale di chiudere lo sportello braidese a partire dal 1° febbraio 2023.

La Camera di commercio continuerà a garantire il presidio del territorio nelle quattro sedi attive in provincia (Cuneo, Alba, Mondovì e Saluzzo), con i nuovi orari recentemente ampliati.

Per la diffusione degli strumenti digitali, che hanno rappresentato la mission della sperimentazione, si apre una nuova opportunità di collaborazione con le associazioni di categoria che, tramite specifica convenzione con l’ente camerale, possono implementare i propri servizi per garantire alle imprese del territorio il rilascio di dispositivi digitali quali il token DigitalDna, la nuova identità digitale che consente di accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione e di firmare digitalmente.

“Il sistema camerale ha un ruolo di primo piano nel supportare la digitalizzazione delle imprese e per svolgerlo al meglio 14 mesi fa abbiamo aperto uno sportello dedicato nel Comune di Bra, al centro di un’area ad elevata densità imprenditoriale - afferma il presidente Mauro Gola –. I numeri degli accessi non ci consentono di proseguire nella sperimentazione, ma le imprese e i professionisti di quel territorio da oggi potranno richiedere il rilascio di dispositivi digitali anche nelle locali sedi delle associazioni di categoria che, grazie alle convenzioni con l’ente camerale, sono state accreditate nel servizio. Ringrazio il Comune di Bra per avere da subito manifestato interesse e disponibilità alla sperimentazione e il personale camerale degli sportelli di Cuneo e di Alba per essersi messo a disposizione del progetto”.

C. S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium