/ Attualità

Attualità | 21 gennaio 2023, 13:55

“Vorrei far installare un guard rail per moto alla curva del ponte del Sale in ricordo di Manuele Giubergia”

Francesco Fasanelli, amico e collega del giovane centauro deceduto in un incidente stradale nell'agosto scorso, vorrebbe attivare una raccolta fondi “perchè lui non sia morto invano. Quello che è successo a Manuele potrebbe ricapitare di nuovo”. Servirebbero circa 5 mila euro

Il ponte del Sale che collega Borgo a Vignolo. Nella foto piccola Manuele Giubergia

Il ponte del Sale che collega Borgo a Vignolo. Nella foto piccola Manuele Giubergia

“Vorrei che Manuele Gubergia non fosse morto invano. Ecco perchè voglio far installare un guard rail per moto alla curva del Ponte del Sale”.

È l'intento di Francesco Fasanelli, amico e collega del giovane centauro deceduto in un incidente stradale nell'agosto scorso sul ponte che collega Borgo San Dalmazzo a Vignolo, un tratto di strada di competenza provinciale.

Manuele Giubergia, di frazione Ronchi di Cuneo, aveva 35 anni. La sera del 21 agosto era in sella alla sua moto, assieme ad una ragazza che, fortunatamente, si è salvata. Lui invece non ce l'ha fatta. E' morto dopo lo scontro con il guardrail sulla curva in discesa, teatro di numerosi incidenti.

Se ci fosse stato un guard rail sicuro, studiato appositamente per i motociclisti, forse le cose sarebbero andate diversamente”, commenta ancora Francesco Fasanelli.

Si riferisce ai DSM, dispositivi salva motociclisti di colore giallo, che possono essere installati sulla parte inferiore dei guard rail tradizionali, a livello del piano stradale. Sono realizzati in policarbonato, un materiale molto resistente e in grado di assorbire l'urto, impedendo che il motociclista si scontri direttamente contro i montanti o contro i nastri protettivi, e trattenendo il corpo all'interno della carreggiata. Sono oggetto di un decreto legge, il cosidetto decreto “salva motociclisti”, di cui si discute da tempo, ma che è non è mai stato convertito in legge.

Questo decreto comporterebbe l’obbligo di installare guard rail moto su tutte le curve circolari che hanno un raggio minore di 250 metri nei casi di interventi di nuova costruzione, di adeguamento di strade già effettive che comportano varianti di tracciato e/o rinnovo delle barriere di sicurezza stradali su tratti significativi, oppure su strade esistenti non soggette ad interventi ma dove siano avvenuti nel triennio almeno cinque incidenti con morti e/o feriti, che abbiano visto il coinvolgimento di motoveicoli e/o ciclomotori.

“So che non è un obbligo di legge. Ecco perchè vorrei farlo installare io – continua Fasanelli -. Mi sono informato e la spesa ammonterebbe a circa 5 mila euro. Vorrei coinvolgere altri motociclisti per rendere anche le nostre passeggiate più sicure. Faccio dunque un appello a chi ha a cuore la sicurezza stradale. Quello che è successo a Manuele potrebbe ricapitare di nuovo. Vorrei attivare una raccolta fondi ma non sono pratico della materia. Chiunque voglia aiutarmi mi contatti”.

Per contattare Francesco Fasanelli: fra.fasanelli@libero.it

Cristina Mazzariello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium