/ Economia

Economia | 15 gennaio 2023, 14:18

Olio di CBD full spectrum legale e di qualità

Tra tutti gli oli a base di cannabidiolo, l'olio di CBD full spectrum è noto per essere quello in grado di assicurare i maggiori benefici

Olio di CBD full spectrum legale e di qualità

Tra tutti gli oli a base di cannabidiolo, l'olio di CBD full spectrum è noto per essere quello in grado di assicurare i maggiori benefici. Il motivo è da attribuire al suo grado di purezza particolarmente elevato, nonché al metodo di estrazione e di lavorazione cui viene sottoposto.

Se hai un minimo di dimestichezza con i prodotti a base di CBD, saprai ovviamente che non sono tutti uguali e che possono presentarsi più o meno potenti a seconda di come vengono trattati ma, soprattutto, in base alla qualità degli ingredienti e alla professionalità dell'azienda produttrice.

Questo è il motivo per cui devi prestare una grande attenzione nell'acquistare l'olio di CBD full spectrum, al fine di essere certo di dotarti di un prodotto realmente sicuro ed efficace.

Prima di svelarti quali sono le caratteristiche di un buon olio full spectrum, imparando così a riconoscerlo, cerchiamo però di capire in che cosa consiste questa tipologia di olio e cosa lo rende così apprezzato.

Cosa significa full spectrum

L'espressione “full spectrum” viene usata per indicare l'olio di CBD ottenuto mediante un particolare tipo di estrazione dalla pianta di canapa, attraverso la quale vengono estratti anche fitocomplesso, terpeni, flavonoidi e altri cannabinoidi, al fine di potenziare l'effetto benefico dell'olio finale.

Per ottenere questo composto, tuttavia, occorre servirsi di eccellenti metodi di estrazione, il migliore dei quali è senz'altro quello a base di CO2 supercritica: un sistema particolarmente lungo e complesso, che necessita di un'apposita strumentazione e viene usato soltanto dai veri professionisti del settore Grazie a questo sistema, infatti, l'olio di CBD estratto riesce a conservare l'intera gamma di sostanze naturali presenti nella canapa, per poi essere diluito con olio di oliva o di cocco.

L'olio di CBD ottenuto mediante questo sistema viene quindi definito “full spectrum” ed è caratterizzato dalla presenza, al suo interno, di un numero abbondante di vitamine e minerali, che lo rendono particolarmente efficace.

Tale efficacia, ad ogni modo, è garantita soprattutto dai già citati terpeni, flavonoidi e gli altri cannabinoidi presenti che, attraverso il cosiddetto “effetto entourage” (che ti spiegheremo meglio in seguito), riescono a potenziare le virtù benefiche dell'olio di CBD.

Quali altri tipi di oli esistono?

L'olio di CBD full spectrum non rappresenta l'unica tipologia di olio a disposizione. In aggiunta a questo (che rimane comunque il migliore!), è possibile scegliere tra:

●       olio di CBD isolato;

●       olio di CBD broad spectrum.

La prima tipologia, vale a dire l'olio di CBD isolato, viene chiamata così proprio in virtù del fatto che contiene solo ed esclusivamente CBD. Diversamente dal full spectrum, pertanto, nell'olio isolato non è presente nessuno degli altri cannabinoidi contenuti nella pianta di canapa.

L'olio di CBD broad spectrum, al contrario, rappresenta invece una sorta di “via di mezzo” tra l'olio isolato e il full spectrum in quanto, pur contenendo anch'esso sia il CBD che il resto dei cannabinoidi, non è in grado di garantirne un quantitativo e una varietà elevati pari a quelli dell'olio di CBD full spectrum.

Le diversità che si riscontrano tra queste tre tipologie di olio di CBD sono evidentemente da attribuire ai differenti metodi di estrazione cui sono sottoposti, dai quali ne conseguono per l'appunto tre composizioni estremamente diverse.

In aggiunta a questo, si riscontrano inevitabilmente anche delle differenze di prezzo: mentre l'olio di CBD isolato è il più economico in assoluto, l'olio di CBD full spectrum rappresenta invece quello più costoso. E il motivo è da ricercare nel già citato “effetto entourage” che si viene a creare tra le sue componenti interne e dal quale dipende per l'appunto l'eccellente resa finale del prodotto.

Che cos'è l'effetto entourage?

Il concetto di entourage è basato su quello della sinergia chimica, ossia quel legame che si crea tra le varie componenti di un prodotto e che dà vita a nuovi e sorprendenti risultati.

Tale definizione è perfetta per descrivere ciò che avviene nell'olio di CBD full spectrum che, come ti abbiamo già spiegato, è ricco di terpeni e di numerosi altri cannabinoidi presenti nella pianta di canapa.

Tutti questi singoli elementi, pertanto, agiscono in sinergia chimica con il CBD, migliorando e potenziando i suoi effetti: un processo che si verifica esclusivamente nell'olio full spectrum, essendo l'unico in grado di vantare la presenza di tutte queste componenti.

Lo stesso discorso vale anche per quanto concerne un altro elemento presente all'interno della pianta di canapa, vale a dire il THC. Questo acronimo identifica infatti il ben noto tetraidrocannabinolo, vale a dire la componente principale della marijuana, la cui presenza è riscontrabile anche nei prodotti a base di CBD.

Al di là del fatto che si tratta di un quantitativo infinitesimale, che per legge non può superare lo 0,5%, nell'olio di CBD full spectrum l'influenza del THC è pressoché nulla, e il merito è proprio dell'effetto entourage che, oltre a potenziare gli effetti benefici del CBD, elimina quelli negativi provocati dal THC.

Effetti benefici del CBD

A prescindere dall'effetto entourage, il CBD è in grado di procurare benefici immensi tanto alla sfera fisica, quanto a quella psichica. Grazie alla sua capacità di legarsi al nostro sistema endocannabinoide e ai suoi recettori, localizzati nel sistema nervoso centrale e periferico, il CBD induce infatti un piacevole senso di calma e tranquillità, agendo come perfetto ansiolitico e antistress.

Oltre a questo, è perfetto per alleviare dolore e infiammazioni, contrastando l'insorgenza dell'acne. Analogamente, ha riscosso un grande successo nella cura di patologie particolarmente gravi, alleviando e contrastando sintomi terribili come:

●       le allucinazioni e i deliri delle psicosi;

●       le convulsioni dell'epilessia e i disturbi neurologici causati da malattie degenerative come il Morbo di Parkinson;

●       la nausea e il vomito nei pazienti malati di cancro e sottoposti a chemioterapia.

A fronte di tutti questi benefici procurati dal CBD, viene da chiedersi se sia possibile che questa sostanza possa provocare anche degli effetti collaterali: un dubbio più che legittimo al quale daremo risposta nel prossimo paragrafo.

Potenziali rischi del CBD

Parlare di “rischi del CBD” è di fatto improprio, in quanto questo estratto della canapa non è assolutamente in grado di provocare rischi veri e propri ma, caso mai, solo modici effetti collaterali. In alcuni rari casi sono stati infatti riscontrati alcuni sintomi sgradevoli insorti successivamente alla sua assunzione, che comprendono: secchezza delle fauci, sonnolenza, alterazioni dell'appetito e dissenteria.

I motivi che possono portare all'insorgenza di tali effetti sono molto diversi: potrebbero verificarsi a causa di un'errata interazione del cannabidiolo con altri farmaci che si stanno già assumendo; oppure il dosaggio assunto non è adatto al tipo di disturbo che si sta cercando di curare; o, ancora, il prodotto a base di CBD acquistato non è dei migliori, magari perché comprato sottocosto da un'azienda priva delle giuste credenziali.

Come puoi capire tu stesso, pertanto, le cause che scatenano i summenzionati effetti collaterali possono essere molto diverse e l'unica soluzione possibile è quella di assumere il CBD nella maniera corretta. In che modo? Tanto per cominciare chiedendo un consiglio al proprio medico di fiducia e, nel caso, interrompere la sua assunzione fintanto che gli effetti collaterali non saranno cessati.

Ma, cosa più importante di tutte, occorre acquistare i propri prodotti a base di CBD solo ed esclusivamente da rivenditori seri e professionali, a maggior ragione nel caso dell'olio di CBD full spectrum: un prodotto che, come dovresti ormai aver capito, non tutti sono in grado di realizzare.

Dove trovare l'olio di CBD full spectrum

Come ti abbiamo già ampiamente dimostrato, proprio in virtù delle sue eccezionali proprietà, l'olio di CBD full spectrum è il frutto di una preparazione alquanto complessa, che necessita di un'apposita strumentazione ma, ancora di più, di una conoscenza professionale della pianta di canapa e dei suoi estratti.

Questo è il motivo per cui, prima di acquistarlo, dovresti sincerarti delle certificazioni dell'azienda, al fine di essere certo di rivolgerti a rivenditori seri e realmente qualificati. Un discorso, quest'ultimo, che vale ancora di più per gli shop online, dove procurarsi questo genere di prodotti è fin troppo facile.

Ecco perché non dovresti mai accontentarti dei primi e-commerce che trovi ma, al contrario, l'ideale sarebbe quello di effettuare una ricerca minuziosa al fine d'individuare i migliori: quelli che non hanno alcun problema a descriverti nel dettaglio tutti i prodotti che hanno, specificandoti i metodi di coltivazione, di estrazione e, soprattutto, la percentuale di THC in essi contenuta (che, te lo ricordiamo, per legge non deve mai superare lo 0,5%).

Solo in questo modo, infatti, potrai essere certo di aver acquistato olio di CBD full spectrum realmente efficace e in grado di procurarti benefici concreti e tangibili. Per ottenerli in sicurezza, ad ogni modo, il consiglio è sempre quello di partire da un dosaggio basso, per poi alzarlo piano piano nel momento in cui inizi a riscontrare i primi effetti positivi: una regola, questa, che vale per tutti i rimedi medicinali e che nel caso del CBD non fa certo eccezione.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium