/ Politica

Politica | 03 ottobre 2022, 15:06

Acque agitate nella Lega: Bossi lancia il “Comitato del Nord”

L’iniziativa del Senatur, ripescato in extremis in Parlamento, dà voce a quella parte del partito che da tempo mugugna sotto traccia nei confronti di Matteo Salvini e che ora, dopo il flop elettorale, vorrebbe rilanciare i temi dell’autonomia e del federalismo

Umberto Bossi a Pian del Re nel lontano 2002

Umberto Bossi a Pian del Re nel lontano 2002

 

Chissà se avrà presa nel Cuneese la proposta di Umberto Bossi, a pochi giorni dal suo ripescaggio in Parlamento, di dar vita ad un “Comitato del Nord” in seno al partito di cui è stato il fondatore.

Il Senatur, che ha superato gli 81 anni, resta un’icona per i leghisti autonomisti della prima ora.

Dopo l’annuncio, sono in molti in via Bellerio (ma anche nella Granda) a ritenere che, di fatto, si stiano aprendo le ostilità per la futura leadership di quello che un tempo era il Carroccio. 

L'iniziativa di Bossi dà sicuramente forza e impulso a chi dentro la Lega ritiene irrinunciabile il discorso dell'autonomia e un ritorno alle origini dopo il fallimento dell’esperienza nazionale.

La Lega di Salvini, infatti, non ha avuto consensi significativi nel Centro e nel Sud del Paese, dove l’ha fatta da padrone il Movimento 5 Stelle.

Per contro, forte è stata l’emorragia di voti nelle roccaforti del Nord dove la Lega ha dovuto cedere rilevanti quote di consenso a Fratelli d’Italia.

Non a caso ieri Salvini, per correre ai ripari, ha prontamente affermato che “questa sarà la legislatura che vedrà il varo delle autonomie”.

Nella Granda, dove Bossi veniva spesso e dove aveva scelto Pian del Re come luogo iconico per il rito dell’ampolla dell’acqua prelevata dalle sorgenti del Po e poi riversata nella laguna di Venezia, la notizia è stata accolta (per quanto sotto traccia) con interesse e favore.

Tuttavia, nessuno si sbilancia pubblicamente, in attesa di capire quali mosse faranno i governatori del Nord Est, Luca Zaia e Massimiliano Fedriga.

All’indomani del voto, nel partito c’è stato un pronunciamento unanime a favore del mantenimento della segreteria federale nelle mani del Capitano, ma il fuoco cova sotto la cenere.

Che cosa succederà nei mesi a venire è difficile prevederlo.

Ciò che si può ipotizzare è che si vada verso un cambio di denominazione del partito, col possibile (almeno parziale) ritorno alle radici.

Dopo la sconfitta, è infatti tramontato il sogno di Salvini di conquistare Palazzo Ghigi.

Il simbolo “Lega – Salvini premier” – alla luce dei risultati elettorali del 25 settembre – appare dunque superato oltre che inadeguato.

 

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium