/ Attualità

Attualità | 22 giugno 2022, 15:52

Alba: problemi di decoro per una delle aree ecologiche del complesso di viale Masera

A denunciarli il consigliere comunale William Revello: «In molti hanno sollecitato un intervento del Comune attraverso verifiche e videosorveglianza». La risposta dell’assessore Marco Marcarino: «Importanti novità in arrivo»

Uno degli incontri del Comune in viale Masera per la sensibilizzazione alla pulizia delle aree

Uno degli incontri del Comune in viale Masera per la sensibilizzazione alla pulizia delle aree

Rifiuti abbandonati e sporcizia in una delle due aree ecologiche a servizio del complesso residenziale di viale Masera. E’ quanto nelle ultime settimane verrebbe denunciato da diversi residenti dei Tetti Blu, secondo il contenuto dell’interrogazione che il consigliere William Revello ha ritenuto di portare all’attenzione dell’ultima assemblea comunale, rimarcando come molte persone «abbiano sollecitato un intervento del Comune, attraverso verifiche e videosorveglianza».

«L’isola in questione - ha precisato l’esponente di Uniti per Alba – è quella più piccola che, come quella principale, dovrebbe essere gestita da uno o più volontari. Chiedo al Comune se intende agire per risolvere la situazione e assicurare la pulizia e il decoro dell’isola ecologica, e come vuole valorizzare ed estendere il lavoro di volontariato che dimostra in modo tangibile che quando i cittadini hanno cura dei beni e degli spazi comuni si raggiunge un maggior benessere dei singoli contesti. Credo che ci voglia maggior sensibilità da parte del Comune, che, come i volontari e come gli abitanti poco attenti, è uno degli attori principali, e ha il compito di stimolare a risolvere questo problema per l’isola ecologica minore».

Interrogativi sui quali si è pronunciato l’assessore con delega all’Ambiente Marco Marcarino: «In viale Masera la gestione delle aree ecologiche è privata, e la pulizia è a carico dei condomini. Le sbarre dissuasive sono state volute dagli abitanti del condominio e il Comune tiene pulita l’area, mentre l’azienda preposta allo smaltimento porta via i rifiuti».

«In viale Masera – ha proseguito Marcarino – abbiamo organizzato diversi incontri sia per spiegare come fare la raccolta differenziata, sia per sensibilizzare alla pulizia. Tra le proposte ce n’è una particolarmente interessante: in linea sperimentale, vicino all’area ecologica più grande, si pensa di realizzare una compostiera elettromeccanica collettiva, che sarebbe unica per ora sul territorio. Una soluzione di collettività gestita anche dai volontari. E, in più, per evitare episodi di sporcizia come quelli segnalati, verranno posizionate telecamere collegate alla centrale operativa per un maggior controllo come, ad esempio, disposto in via Rorine, in via Pinot Gallizio e in via De Gasperi. A viale Masera ci teniamo, per migliorare la vivibilità e il decoro dell’area».

Livio Oggero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium