ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 18 giugno 2022, 12:29

Mancato rispetto della rappresentanza di genere in lista: ricorsi del partito Gay LGBT+ a Cravanzana, Frabosa Soprana, Salmour e Rittana

Saranno 23 i ricorsi in tutta Italia. Secondo Davide Betti Balducci: "Soprattutto le donne sono state discriminate, interpretando a proprio favore la sentenza della Consulta"

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Come già annunciato in campagna elettorale, il partito Gay LGBT+ di Davide Betti Balducci ha dato mandato all'avvocato Sara Franchino, già consigliere regionale del Piemonte, di depositare ventitré ricorsi al TAR in Piemonte e in altre quattro regioni per chiedere l'annullamento delle liste che, secondo l'interpretazione data dal partito all combinato disposto del TUEL e della sentenza della corte costituzionale 62 del 2022 non avrebbero potuto presentarsi alle amministrative del 12 giugno per squilibrio nella rappresentanza di genere.

Secondo Betti: "Soprattutto le donne sono state discriminate, interpretando a proprio favore la sentenza della Consulta. Non è pensabile per un paese che si definisce civile pensare che le leggi e le sentenze  si possano piegare alle proprie esigenze. Vogliamo legalità e trasparenza, parole che terrorizzano la gran parte della politica italiana!"

I ricorsi in provincia di Cuneo riguarderebbero liste presentate a Rittana, Frabosa Soprana, Cravanzana e Salmour.

Dei sindaci eletti in tali amministrazioni e dei candidati delle liste additate come irregolari, in molti non commentano. Riportiamo qui le poche battute raccolte.

Simone Quaranta, eletto a Rittana, che, secondo Betti, avrebbe una lista non regolare: "Non ho altro da dire rispetto a quanto vi ho già scritto. D'accordissimo con la parità di genere, ma nelle piccole realtà bisogna avere buon senso."

Iole Caramello, sindaca rieletta a Frabosa, che avrebbe una lista non regolare: "Non ho molto da dire, come già ribadito noi siamo a posto con la parità di genere. Nei comuni sotto i 5000 abitanti la rappresentanza potrebbe essere anche di una sola persona (di genere diverso ndr). Noi in lista ne avevamo tre."

Roberto Salvatore, sindaco eletto a Salmour. Qui la irregolarità riguarderebbe non la sua lista ma una lista di opposizione, quella Italexit: "Sono stato eletto per pensare ai miei concittadini, siamo già al lavoro. (...)

Ma veramente dovrei interessarmi di queste cose? 

Gli elettori si sono espressi, mi limito a dire che io ho intenzione di collaborare con tutti i consiglieri che si renderanno disponibili."

Fabrizio Biolè

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium