ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 17 giugno 2022, 18:25

Case di comunità: «Perché Alba non è stata inserita nelle richieste fondi Pnrr?

Come per i progetti relativi a Bra, Canale e Cortemilia la Regione ha preferito continuare sulla strada già intrapresa per essere più libera di agire in fase di progetto. Confermato l'impegno della Fondazione Crc sul fronte dei finanziamenti

Si torna a parlare della Casa di Comunità da completare nell'ex ospedale San Lazzaro di Alba

Si torna a parlare della Casa di Comunità da completare nell'ex ospedale San Lazzaro di Alba

Perno della programmazione sanitaria regionale, le “case di comunità” – o case della salute – sono luoghi fondamentali per l’organizzazione di quella sanità di prossimità la cui importanza è emersa in tutta la sua evidenza in questi anni di pandemia. Si tratta di strutture, nella pratica, che raggruppano una serie di importanti servizi sanitari e sociali, diversi da quelli ospedalieri, ottimizzandone l’erogazione in luoghi facilmente accessibili agli utenti.
A che punto sia il progetto per la realizzazione di quella di Alba è quanto il consigliere di opposizione William Revello ha chiesto alla Giunta Bo nel corso del Consiglio comunale tenuto nel pomeriggio di mercoledì 15 giugno.

«Le “case di comunità” di Alba, Bra, Canale e Cortemilia – ha spiegato l'esponente Pd anche per conto dei colleghi della minoranza di Uniti per Albanon sono rientrate tra le opere finanziate coi fondi Pnrr per una scelta fatta dalla Regione Piemonte. Il progetto albese è superiore alla soglia dell’erogazione prevista dal Pnrr, ma come si pensa allora di finanziarne la realizzazione? Circa due mesi fa abbiamo incontrato il direttore dell'Asl Cn2 Massimo Veglio, che aveva parlato di un possibile partenariato pubblico/privato. Vorrei sapere a che punto siamo e se l’impegno annunciato dalla Fondazione Crc circa un anno fa può essere considerato ancora attuale. E se ci sono degli atti formali che attestano tale impegno nel realizzare queste importanti strutture, in cui la prevenzione della salute e la presenza di équipe multi professionali sono la base per dare al cittadino una realtà funzionante».

La risposta è arrivata direttamente dal sindaco Carlo Bo, che in prima persona ha promosso e seguito l’intera trattativa per la il reimpiego in chiave sanitaria dell’immobile che ospita l’ex ospedale San Lazzaro.  

«La tematica della “casa di comunità” è molto sentita in Piemonte – ha esordito il primo cittadino –. Nella nostra regione saranno realizzate 14 'case di comunità', 5 'ospedali di comunità' e diverse le centrali territoriali. Ad Alba sarà presente una “casa di comunità” nell’ex ospedale San Lazzaro, su una superficie di 850 m², dove saranno erogati molti servizi per rendere possibile la salute di prossimità.

La Regione Piemonte, rappresentata dall’assessore alla Sanità Luigi Icardi, ha fatto sapere che si è preferito rinunciare ai fondi Pnnr perché altrimenti si sarebbe dovuto cambiare la metodologia del lavoro seguita sinora. In questo modo, si potrà continuare sulla strada tracciata e senza subire rallentamenti per le regole Pnrr. Una scelta che ho in parte condiviso, perché così si potrà lavorare meglio.

Sul capitolo dei finanziamenti continua il dialogo tra Asl Cn2, Regione Piemonte e la società che dovrà fare l’opera per redigere il contratto finale. C’è stato un impegno ufficiale della Fondazione Crc che si potrà finalizzare sia per Alba che per Bra solo quando il progetto vedrà la luce in modo ufficiale. Purtroppo dopo i primi incontri è passato oltre un anno. Auspico che prima della pausa estiva potremo avere risposte e tempistiche certe, per un’opera fondamentale per i cittadini e per la città. Spero che non si perda più altro tempo, ora servono i fatti e non le parole, anche a tutela dei commercianti di quella zona cittadina, che sono in forte difficoltà».

Livio Oggero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium