/ Attualità

Attualità | 14 maggio 2022, 11:54

Bergolo, nel borgo di pietra un evento unico dedicato alle politiche giovanili e all’internazionalità

Il ministro Fabiana Dadone tra gli ospiti dell’appuntamento che ha riunito nel piccolo centro langarolo 80 giovani per la tappa conclusiva del Progetto Erasmus+

Al centro la ministra Fabiana Dadone, tra il consigliere regionale Ivano Martinetti e il sindaco Marone, con la fascia. Alla sua sinistra Ilaria Mardocco, organizzatrice dell’evento, insieme ad alcune collaboratrici del progetto

Al centro la ministra Fabiana Dadone, tra il consigliere regionale Ivano Martinetti e il sindaco Marone, con la fascia. Alla sua sinistra Ilaria Mardocco, organizzatrice dell’evento, insieme ad alcune collaboratrici del progetto

Dall’8 all’11 maggio scorsi Bergolo ha ospitato un evento unico e speciale sulle politiche giovanili europee e regionali, che ha visto incontrarsi oltre 80 partecipanti tra giovani, "youth worker", decisori politici.

L'evento, ha rappresentato la tappa conclusiva del Progetto Erasmus+ di dialogo strutturato, “You(th) to change EU”, co-finanziato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani attraverso l’azione chiave 3 e coordinato dall’Associazione Eufemia con altri 12 organizzazioni partner da tutto il Piemonte.

Momento fulcro dell’evento quello tenuto il 9 maggio, giorno della Festa dell’Europa, che ha visto giovani, youth worker e amministratori locali confrontarsi con la ministra per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone, il collegamento da Roma della direttrice dell’Ang, Lucia Abbinante, e il consigliere regionale con delega al forum giovani Ivano Martinetti.

Tre giorni di confronto su temi cari ai giovani del territorio piemontese, dalla partecipazione al benessere e salute mentale, dall’inclusione alle possibilità che consulte e consigli possono offrire, dalla sostenibilità ambientale al ruolo e riconoscimento della figura dello Youth worker con l’obiettivo di ottenere una legge attiva e rappresentativa.

Il progetto è nato dall’esigenza condivisa di veder valorizzate ed ascoltate le voci dei giovani del territorio, per dare sinergia e coordinamento al lavoro delle politiche giovanili locali e regionali.

Durante l'agorà i giovani hanno avuto occasione di confrontarsi sulla legge regionale 6/19 e di discutere insieme ai decisori politici i nuovi bisogni e le opportunità di implementazione delle politiche giovanili a livello locale e regionale.

C’è stato inoltre uno spazio di confronto sugli strumenti di partecipazione alla vita della comunità in cui i giovani sono inseriti e sulle opportunità di supporto e finanziamento alle loro idee ed iniziative, il programma ha visto momenti di confronto tra giovani di diverse parti della Regione e dei decisori politici a diversi livelli (locale, provinciale, regionale e nazionale).

Durante l’attività è stata proposta la realizzazione di una riflessione collettiva a partire da alcuni tavoli tematici legati alle priorità europee per le politiche giovanili (European Youth Strategy/Youth Goals) e alla Legge Regionale 6/19.

Non sono mancati momenti musicali di grande respiro culturale coi pianisti Francesco Mancarella e di Francesco Taskayali, quest’ultimo artista italo-turco, conosciutissimo nel mondo per le sue performance musicali in luoghi molte volte non convenzionali, ad esempio l’esperienza umana e artistica del pianista imbarcatosi lo scorso inverno come volontario della Croce Rossa sulla nave Ong "La Suprema", è diventata trama di riscatto e testimonianza nel reportage pubblicato sulle pagine della prestigiosa rivista americana "The Atlantic". Il musicista tornerà a Bergolo per una “Residenza d’Artista” e concluderà la stagione dei Concerti d’Estate “I Suoni della Pietra" l’11 settembre 2022 .

"Dopo aver vissuto in un luogo votato alla cultura, Bergolo, nell’Alta Langa, ritorniamo nelle varie sedi per rilanciare sui nostri territori e sui social le idee e proposte nate in queste ricche giornate di dialogo", dichiara Ilaria Mardocco, presidente dell’Associazione Eufemia di Torino, promotrice dell’iniziativa.

Dal canto suo, per bocca del suo sindaco Mario Marone, il Comune di Bergolo "ringrazia tutta l’organizzazione di questo evento riconoscendo al piccolo borgo di pietra un ruolo importante per l’attenzione alle tematiche giovanili e nell’attuazione e sostegno verso i vari progetti Erasmus+, che quest’anno vedono una ripresa molto significativa nel nostro comune, le cui strutture d’accoglienza si stanno gradualmente rinnovando in modo sempre più confortevole".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium