/ Attualità

Attualità | 29 aprile 2022, 10:36

Faber sogna l’impresa, meno di 40 ore per portare a Saluzzo il dj set più lungo di sempre

A 56 anni ha già fatto risuonare nella caserma Mario Musso più di 160 ore di musica con vinili selezionati. Ma, soprattutto, ha fatto riscoprire la voglia di ballare e stare insieme a centinaia di persone che da una settimana lo sostengono quotidianamente. Al di là del risultato, un gran successo

Faber sogna l’impresa, meno di 40 ore per portare a Saluzzo il dj set più lungo di sempre

Che faceva sul serio lo si era capito da subito. Un’ambizione, mai nascosta, quella di Fabrizio Morero in arte Faber Moreira: realizzare il dj set più lungo della storia.

Un’impresa che sta progettando da anni. E che per vari motivi, tra cui il Covid, ha sempre dovuto rinviare. Dalle 17 dello scorso venerdì 22 aprile, Faber si trova al momento ancora alla consolle allestita presso il padiglione della Caserma Mario Musso di Saluzzo (ex scuderia B). Qui i suoi vinili (sempre diversi) hanno già risuonato per 150 ore. Una buona prova di resistenza per questo ragazzo di 56 anni che sembra intenzionato a non mollare.

L’obiettivo è quello di abbattere il record delle 200 ore (8 giorni e 8 ore) no-stop di musica, attualmente detenuto da Norberto Loco, dj irlandese. La regola prevede che non venga mai ripetuto lo stesso brano.

Il muro delle 152 ore è stato abbattuto questa notte intorno all’una. Qui è caduto il record fissato dallo svedese Dj Hertz raggiunto nel 2011. L'anno successivo il guinness era poi stato a sua volta superato da dj Smokin Joe dall’Australia con 168 ore ininterrotte di musica. Un traguardo che Faber dovrebbe superare intorno alle ore 17 di oggi, venerdì 29 aprile.

Questo è l’ultimo step da abbattere prima di raggiungere il dj set più lungo della storia fissato dal dj irlandese nel 2016.

Faber, originario del saluzzese ora residente a Bra, sta utilizzando solamente vinili che spaziano in 30 anni di storia della musica house con brani provenienti da tutto il mondo. Per l’occasione ha preparato 5 mila vinili, 1 tonnellata e 400 chili di musica. Un peso specifico non indifferente per quella che è un’impresa che, al di là del risultato è già un successo.

Dopo anni difficili con i locali notturni costretti alla chiusura sono state centinaia le persone passate in Caserma - moltissimi anche in settimana e durante le ore diurne di lavoro - per ballare o anche solo per sostenere Dj Faber in questa folle iniziativa.  Persone di ogni età, da giovani a meno giovani a famiglie con bambini.

“Si è sempre demonizzata la discoteca come luogo di perdizione
– ci raccontava Faber prima di salire alla consolle per il World Record Attack – sono contento che il mio evento coincida con le riapertura dei locali della notte. Sono dei luoghi di socialità e di sfogo dove si balla e si sente musica: abbiamo visto come siano aumentati gli episodi di bullismo e vandalismo con i club chiusi. Ora, con la testa sul collo, cerchiamo di tenerli aperti. Non deve essere un libera tutti senza coscienza.”

Per regolamento durante il dj set la musica non si dovrà mai interrompere (sono ammessi 10 secondi massimi di silenzio) e avrà montate due console dove si alternerà di sei ore in sei ore.

Gli sarà concesso, secondo il regolamento, di dormire due ore al giorno che potrà gestirsi come ritiene.

Come ricorda l’alternativeADV, agenzia marketing che sta curando tutta la comunicazione di Faber di questo evento: “La stanchezza inizia a farsi sentire ma Fabrizio ha bisogno del supporto di tutti! Le distrazioni durante queste ultime giornate possono giocare a suo sfavore, tifo assolutamente sì. Abbracci, selfie al termine dell’impresa da record!”.

Se tutto va come deve andare il record potrebbe essere abbattuto nella notte tra sabato 30 aprile e domenica 1 maggio.

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium