lavocedialba.it - 27 aprile 2022, 15:07

Centro Studi del Tartufo di Alba entra nel terzo settore

Si attendono vantaggi significativi a livello economico, fiscale e di rapporto con gli enti politici. Una "rivoluzione" che inserisce l'associazione in uno spettro di opzioni maggiore

I tartufi: il centro studi di Alba entra nel terzo settore

I tartufi: il centro studi di Alba entra nel terzo settore

Il Centro Studi del Tartufo di Alba cambia volto ed entra nel registro degli enti del terzo settore con vantaggi significativi a livello economico, fiscale e di rapporto con gli enti politici. Un passo in avanti che permette di eseguire al meglio i propri compiti istituzionali. Tra i cambiamenti più significativi: la nuova sede, che passa da Grinzane Cavour ad Alba, l’elezione del presidente da parte dell’assemblea e non più da parte del consiglio di amministrazione, e le presenza di un revisore unitario e non più di un collegio dei revisori.
Gli obiettivi di studio, promozione, comunicazione del  mondo del tartufo non cambiano, anzi vengono inseriti in gruppi dove sono presenti più attività.
Una “rivoluzione” che permette di concentrarsi maggiormente sul proprio compito ma in uno spettro di opzioni più grande che possono essere collegate.

Livio Oggero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU