/ Attualità

Attualità | 28 marzo 2022, 12:11

La "Marcia delle Libertà" no green pass percorre tre tappe nel Cuneese

Ieri camminata da Cavallermaggiore e Fossano per l’iniziativa ideata dall'ex magistrato Paolo Sceusa. Tra i sostenitori la deputata piemontese Jessica Costanzo

Ha toccato anche Fossano l'iniziativa ideata da Paolo Sceusa

Ha toccato anche Fossano l'iniziativa ideata da Paolo Sceusa

Ieri la "Marcia delle libertà" ha avuto una prima tappa tutta cuneese: da Cavallermaggiore a Fossano nell'itinerario completo che va da Torino a Genova.

Si tratta di uno dei percorsi della manifestazione itinerante ideata da Paolo Sceusa, iniziativa lanciata contro il green pass e l'obbligo vaccinale.

Docente di diritto ed ex magistrato, il dottor Sceusa sta facendo una marcia a piedi per sensibilizzare, a suo modo di vedere, le persone sulla necessità di difendere lo stato di diritto.

Un percorso che trova ogni giorno uomini e donne che lo accompagnano e che ha ormai da tempo assunto i tratti di una sommatoria di itinerari più o meno lunghi che mirano a toccare tutte le regioni dello stivale.

Uno dei coordinatori della marcia, Ivan Garotta: "Da un singolo itinerario, i percorsi si stanno moltiplicando e così oggi (ieri, domenica 27 marzo, ndr) in parallelo abbiamo avuto una partecipata marcia da Faenza a Brisighella, oltre a quella Cavallermaggiore-Fossano, tratto inserito nel percorso Torino-Genova. Con un certo orgoglio ad aprile sbarcheremo anche in Sardegna!".

I tratti cuneesi Cavallermaggiore-Fossano del 27 marzo, Fossano-Mondovì del 28 marzo e Mondovì-Ceva del 29 marzo sono stati lanciati dal palco di piazza Vittorio di Torino sabato 26 marzo alla presenza, tra gli altri, della deputata piemontese Jessica Costanzo, eletta nel Movimento 5 Stelle e poi transitata al gruppo misto.

F. B.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium