ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 28 marzo 2022, 11:13

Gustarsi un gelato costa il 220% in più rispetto a venti anni fa

Esplode il “caro vita”: pandemia e conflitto in Ucraina hanno accelerato una corsa che dura dall’arrivo dell’euro. Gli stipendi? Pressoché immobili

Gustarsi un gelato costa il 220% in più rispetto a venti anni fa

Non si è salvato neppure il gelato. Il cono, delizia di grandi e piccini, negli ultimi venti anni ha subìto un aumento di oltre il 220%. Altro che caramello salato: salatissimo, se si pensa al portafoglio. A rivelarlo è un’indagine dall’associazione dei consumatori Consumerismo No Profit e dal Centro Ricerca e Studi di “Alma Laboris Business School”, che ha messo a confronto i prezzi di un paniere di 100 elementi tra beni e servizi, analizzando le differenze esistenti tra i listini al dettaglio in vigore ai tempi della lira e quelli odierni.

Balza agli occhi - e nel bilancio familiare - che se pandemia e conflitto in Ucraina hanno fatto fare un balzo a prodotti alimentari, bollette e carburanti, in realtà la corsa al rincaro è iniziata venti anni fa: beni e servizi hanno subito una costante crescita, al punto che i listini di alcuni prodotti sono addirittura triplicati rispetto al 2001, quando in Italia era ancora in vigore la lira.

Così se una semplice penna a sfera ha subito un incremento del +207,7%, passando dalle vecchie 500 lire (0,26 euro) a 0,80 euro, andare a mangiare fuori sta diventando un lusso: la classica Margherita consumata in pizzeria ha subito un rincaro del +93,5% e il tramezzino al bar addirittura del +198,7%. La tipica colazione al bar cioè cappuccino e cornetto, costa il 93,3% in più, mentre la pausa caffè è più salata del 55,2%.

La dispensa si è trasformata in cassaforte, dove ci sono i beni più costosi: tra i prodotti alimentari, quelli che hanno subito gli incrementi di prezzo più elevati troviamo i biscotti (+159%), la passata di pomodoro (+148%), il cacao (+143%), il sale (+134%), l'olio d'oliva (+114%), le uova (+103%).

Il tutto con stipendi che in venti anni sono aumentati in media di poco più del 50%.

Ed ora, al caro spesa al super si aggiunge anche il timore sui prodotti che sostituiranno quelli mancanti, come l’introvabile olio di girasole, che sarà sostituito anche con l’olio di palma.

NaMur

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium