/ Attualità

Attualità | 24 febbraio 2022, 11:27

Bra alle sette sorelle: "Consigli straordinari nei nostri Comuni per condannare l’invasione russa"

Il sindaco Fogliato chiederà al cuneese Borgna di farsene promotore: "E’ un’azione simbolica, ma un segnale doveroso per una provincia come la nostra, il cui passato si lega in modo tragico a quelle terre"

L'immagine simbolo dell'attacco all'Ucraina pubblicata da tutti i media nazionali e internazionali

L'immagine simbolo dell'attacco all'Ucraina pubblicata da tutti i media nazionali e internazionali

"Io credo e continuo a credere che, anche in una situazione tragica come quella che stiamo vedendo, con le immagini delle colonne di fumo e delle auto che abbandono le città funestate dalle esplosioni, sia importante che tutti facciamo sentire la nostra voce".

A parlare è il sindaco di Bra Gianni Fogliato, che nei giorni scorsi aveva preso carta e penna per chiedere che l’Associazione Nazionali dei Comuni Italiani e il coordinamento dei Comuni per la Pace, di cui la città della Zizzola fa parte, prendessero iniziative e posizione contro quel rischio di un’escalation che nelle ultime ore ha lasciato il campo a scenari di guerra e alle notizie che arrivano dai territori ucraini sotto il tiro dell’attacco russo.

"Quelle che da questa mattina vediamo dalle televisioni e dai giornali – spiega il primo cittadino – sono immagini terribili, che riportano i venti del conflitto nella nostra Europa. Scene rispetto alle quali non possiamo rimanere indifferenti. La mia intenzione in questo momento è di chiedere ai sindaci della nostra provincia, e a quelli delle 'sette sorelle' in particolare, di indire tutti insieme un Consiglio comunale straordinario, da tenere in contemporanea nei rispettivi municipi, per arrivare all’approvazione di un ordine del giorno di condanna di una guerra assurda, che tutti i nostri cittadini disapprovano senza riserve. E' un’azione simbolica, ma credo che sarebbe un segnale comunque doveroso, per una provincia come la nostra, il cui passato si lega in modo tragico a quelle terre".

"Questa mattina stessa –
conclude Fogliato – proporrò al sindaco di Cuneo Federico Borgna, quale rappresentante della città capoluogo, di farsi interprete e capofila di un’iniziativa che vuole anche ribadire, nel nostro piccolo, che la pace non ha colore, non ha appartenenza politiche".

Ezio Massucco

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium