Al Direttore - 11 febbraio 2022, 14:42

La denuncia di una lettrice: "Lasciata a casa dal lavoro perché ho il cancro"

Alla donna, una madre single di 41 anni impiegata presso un’agenzia interinale, era stata promessa un’assunzione a tempo indeterminato. Poi la scoperta della malattia

La denuncia di una lettrice: "Lasciata a casa dal lavoro perché ho il cancro"

Lei è una donna cuneese di 41 anni. E' una madre single e ha un tumore, diagnosticato da qualche mese. Una condizione che – è la sua pesante denuncia – le ha fatto perdere il lavoro proprio quando era convinta di avere finalmente trovato una possibile stabilità. Ora sta cercando di tutelarsi, tramite il sindacato. E ha voluto raccontarci la sua storia, che riportiamo a seguire mantenendo l’anonimato sulla sua persona.

Viene assunta a febbraio 2020 per un'azienda che si occupa di preparazione di cibi in alcuni supermercati. L'assunzione viene fatta tramite agenzia interinale. Le viene subito detto che, se tutto fosse andato per il meglio, sarebbe stata assunta a tempo indeterminato.

Con la pandemia e il lockdown, il suo lavoro aumenta a dismisura, tanto che passa, nel giro di un anno, da 30 a 40 ore settimanali, con la promessa di contratto a tempo indeterminato. Un sogno per lei, che comincia a valutare l'acquisto di una casa, perché finalmente può accedere a un mutuo, e si compra un’automobile, che paga a rate.

Ci scrive: "A ottobre 2021 mi hanno diagnosticato un cancro al seno. A dicembre sono stata operata e adesso sono in attesa di iniziare la radioterapia. Ieri (giovedì 10 febbraio, ndr) mi ha chiamata l'agenzia di lavoro interinale per comunicarmi che il mio mandato con l'azienda è in scadenza il 16 febbraio e che la ditta non ha intenzione di  rinnovarlo. Mi hanno licenziata perché ho il cancro. A livello legale penso si siano protetti. Ma sono una mamma single con una patologia oncologica, che si ritrova inaspettatamente e improvvisamente senza lavoro. Si sono comportati in maniera scorretta e vorrei poter denunciare l'accaduto, perché non tollero le ingiustizie".

"Davvero – conclude – vorrei che nessun altro si trovasse nella mia situazione. Non voglio nemmeno immaginare come mi sentirei adesso se fossi riuscita a comprarmi casa e avessi anche la rata del mutuo cui fare fronte. Ho 41 anni e per i prossimi cinque sarò dichiarata malata oncologica, come trovo un altro lavoro?".

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU