/ Eventi

Eventi | 29 gennaio 2022, 07:40

Scopri i tanti appuntamenti per questo ultimo fine settimana di gennaio in Granda

La tradizionale carrellata di iniziative che Targatocn e La Voce di Alba proprongono ogni fine settimana

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Le iniziative organizzate nella Granda per sabato 29 e domenica 30 gennaio si svolgeranno secondo le attuali disposizioni previste per la prevenzione del Covid 19. Consulta i riferimenti indicati per eventuali aggiornamenti o modifiche della programmazione e verifica le modalità di accesso alle manifestazioni nel rispetto delle normative vigenti. Tutti gli eventi di questo fine settimana li trovi su: www.cuneoholiday.com  e www.visitlmr.it.

Città, paesi, mostre e musei da visitare

A Bene Vagienna, oltre all’area archeologica dell’antica città romana con i resti del teatro e dell’anfiteatro, si possono visitare le mostre allestite negli antichi palazzi del centro storico.  Nel campanile della chiesa parrocchiale, in piazza Botero, si trova la rassegna di opere firmate da Pier Paolo Giraudo, dal titolo “Dipingere è raccontare”. A palazzo Lucerna di Rorà è collocata la mostra internazionale di pittura, scultura, fotografia, digital art e installazione “Il tangibile e l’immaginario”. La terza delle tre esposizioni è “Caffè... dolce o amaro?” con allestimento di argenti e porcellane, provenienti da una collezione privata a casa Ravera. Nella chiesa dei Disciplinanti bianchi si può ancora vedere fino al 30 gennaio il presepe artistico allestito dall’associazione, con la Natività ambientata nel parco Giriodi di Bene Vagienna.  La chiesa dei Disciplinanti bianchi e la cella del campanile della chiesa parrocchiale aprono nei giorni festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18; casa Ravera e palazzo Lucerna di Rorà hanno lo stesso orario, con l’aggiunta del sabato pomeriggio dalle 15 alle 18. Ingresso libero, richiesto il Green pass.

Info: www.amicidibene.it

Nel centro storico di Cuneo, a pochi passi l’una dall’altra, si possono visitare quattro mostre.  A Palazzo Samone, in via Amedeo Rossi 4 a piano terra, è esposta la personale di Santo Tomaino dal titolo “De rerum natura”. Nella sua produzione, Santo Tomaino ha, soprattutto negli ultimi anni, indagato a fondo l’universo vegetale e animale attraverso una visione poetica e quasi onirica, nella quale intervengono citazioni e riferimenti letterari. Alcune suggestive tele, ricche di fiori, foglie e animali esotici, rimandano a quella giungla immaginata e descritta da Salgari nei suoi romanzi. Fino al 30 gennaio sabato e domenica dalle 16 alle 19.

Sempre nello splendido Palazzo Samone, al secondo piano fino a domenica 30 gennaio, si può visitare la mostra “Le vie del profumo” organizzata dall’associazione Pro Natura e curata da Silvana Cincotti con opere provenienti da importanti collezioni. Attraverso la visita guidata si può conoscere la storia del profumo, a partire dal mondo egizio fino alla nostra epoca, passando per l’Ottocento e il Novecento, odorando le varie fragranze. Apertura il sabato dalle 15.30 alle 19, la domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15.30 alle 19.

Presso il Complesso Monumentale di San Francesco a Cuneo (via Santa Maria, 10) è allestita la mostra “Pittura in persona” che presenta opere appositamente realizzate per gli spazi della sede espositiva e una selezione di dipinti recenti realizzati da oltre 30 artisti emergenti. Sono opere di medie e grandi dimensioni che trovano una collocazione ottimale nella navata maggiore e nelle cappelle laterali della ex chiesa medioevale. Nell’ambito della mostra sabato 29 e domenica 30 gennaio alle ore 15.45 sono in calendario due eventi gratuiti. Sabato Elisa Dani conduce una visita spettacolo interattiva per bambini mentre domenica viene proposto un nuovo appuntamento con il percorso dedicato all’arte contemporanea e alle ragioni che ci fanno innamorare di un’opera con Francesca Di Paolo. Prenotazione obbligatoria dal sito www.fondazionecrc.it

In occasione della mostra sarà aperto anche sabato e domenica, con gli stessi orari, il Museo Civico, costituito da cinque sezioni: preistoria, epoca romana, medioevo, arte sacra ed etnografia. A pochi passi, in via Roma 17, presso lo Spazio Innov@zione è aperta al pubblico anche la mostra “Satira e humor nell’antico Egitto. Il papiro restaurato” nella quale viene esposto il cosiddetto “Papiro Erotico-Satirico”, una delle prime testimonianze di arte grafica paragonabile al fumetto della storia. La mostra, costituita da video e pannelli informativi, è aperta la domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00. Info e orari: www.fondazionecrc.it e https://crcinnova.it/satira-e-humor-nellantico-egitto

Sempre a Cuneo è allestita la mostra nazionale delle Carte de Visite fino al 30 gennaio alla sede del Progetto Har a Palazzo Barra di Ferro in via Saluzzo 28. La Carte de Visite è un genere formale fotografico che ebbe immensa popolarità dalla metà dell’Ottocento fino agli inizi del Novecento. La mostra è realizzata in due parti, una relativa alle Carte de Visite contemporanee che hanno partecipato al Premio Gianluigi Parpani “Il Mondo in Tasca - 2021” e una seconda parte con Carte de Visite realizzate da fotografi di Cuneo e da Atelier internazionali dell’epoca. Sabato 16/19 e domenica 10/12,30 e 16/19. Info: www.progettohar.it/fotografia/mostre-fotografiche/mostra-carte-de-visite

A Savigliano fino a domenica 30 gennaio, a palazzo Muratori-Cravetta, in via Jerusalem, si può visitare la mostra “Che mai sarà per noi il 1821? I moti per la libertà nell’Europa di Santa Rosa”. Nell’esposizione il pubblico viene accompagnato in un viaggio della memoria che si snoda in sei sale, dalla sconfitta di Napoleone a Waterloo al congresso di Vienna sino al fallimento delle insurrezioni ed alla caduta dei patrioti piemontesi a Novara, con l’esilio e la fuga all’estero di molti esponenti di spicco. Molte sono le opere messe a disposizione dal Museo nazionale del Risorgimento di Torino, tra cui documenti, manoscritti, manifesti, dipinti e curiosi oggetti. La mostra, ad ingresso gratuito, è visitabile il sabato e la domenica dalle 10 alle 18.30.

Il Museo Civico di Savigliano ha in programma per domenica 30 gennaio e, a seguire, domenica 27 febbraio, la curiosa proposta di una “Caccia al tesoro al Museo”, attività indirizzata a famiglie con bambini dai 5 ai 10 anni. Si tratta di un viaggio tra le sale del museo alla ricerca di tesori nascosti, accompagnati dalla illustratrice ed animatrice Romina Panero. Partenze alle 15,30 e alle 17 ed ingresso gratuito. Super green pass obbligatorio per gli adulti. Info: www.comune.savigliano.cn.it

A Fossano fino al 31 gennaio, la domenica dalle 15 alle 18, in via Roma si può visitare il Museo Federico Sacco, insigne geologo. Conserva campioni di minerali cuneesi e alpini così come reperti fossili delle Langhe e del Roero, nonché esemplari dalla foresta fossile di Fossano e dalla collezione Rolleri. Ingresso libero. Info: www.fondazionefedericosacco.it.

Sempre a Fossano, nel castello dei Principi d’Acaja, è aperta al pubblico la mostra “Fantastiche Grottesche”, visitabile fino al 25 aprile, dal mercoledì alla domenica, con visite guidate al castello e alla mostra alle 11 e alle 15. L’esposizione valorizza il ciclo di affreschi della Sala delle Grottesche, uno dei più importanti esempi di pittura tardomanierista piemontese ad opera di Giovanni Caracca. Il percorso multimediale attraverso l’uso delle tecnologie immersive coinvolgerà i visitatori delle “Fantastiche Grottesche” in un colloquio ideale con l’autore degli affreschi, Giovanni Caracca. Info: www.visitfossano.it

Ad Alba tutti i giorni fino al 30 gennaio, alla Fondazione Ferrero di strada di Mezzo n. 44 si può visitare la mostra “Burri. La poesia della materia”, un’ampia rassegna di opere scelte tra il suo repertorio maggiore. Vi sono esposte 45 opere di Alberto Burri, lavori di grandi dimensioni dal 1945, con i primi “Catrami” (1948), sino alle ultime opere “Oro e nero” del 1993.

Ingresso gratuito, prenotazione tramite il sito internet www.fondazioneferrero.it. Orari: sabato e domenica dalle 10 alle 19.

Anche a Mondovì non mancano musei ed esposizioni da visitare. A Palazzo Fauzone di Germagnano, sede del Museo della Ceramica c’è la mostra “Dante 700. La Comedìa in ceramica”. Aperta il sabato dalle 15 alle 18, la domenica dalle 10 alle 18 fino al 30 gennaio. Fino al 20 febbraio c’è “Giocare a regola d’arte” sul gioco come strumento educativo, di aggregazione, opera d’arte e testimone di vita e memoria. Info: www.facebook.com/MuseoCeramicaMondovi

La Torre civica del Belvedere ospita l’installazione sonora “Cosa ascolto quando ascolto lo scorrere del tempo?” ideata dall’artista di fama internazionale Liliana Moro. Aperto sabato e domenica, ore 10-13 e 14.30-17.30.

Sempre a Mondovì sabato 29 gennaio sarà inaugurato a Mondovì Breo, in piazza San Pietro 1, un

nuovo punto eco-sociale e mercatino solidale dell’usato di Emmaus. Al suo interno, dalle 10 alle 19, si potranno trovare abbigliamento vintage, utile e di tendenza; oggetti, libri; piccoli mobili e materiale vario. Nel giorno dell’inaugurazione si terrà anche una vendita speciale di vinili.  

Info: www.emmauscuneo.it

Per non dimenticare

Il 27 gennaio, giorno in cui nel 1945 le truppe sovietiche della 60ª Armata russa liberavano i superstiti del campo di concentramento di Auschwitz, si celebra la Giornata della Memoria.  

A Cuneo, per il ciclo di eventi dedicati a questa ricorrenza, domenica 30 gennaio alle 17.30 al CDT (Largo Barale, 1) si tiene, in collaborazione con il Consolato Generale di Polonia, l’incontro “Gli ebrei nell’Armata del generale Anders” con la proiezione di un documentario che ricorda la vicenda di un gran numero di soldati polacchi di origine ebraica, liberati dai gulag staliniani e arruolati in URSS nell’esercito del generale Anders.

L’incontro è introdotto dalla professoressa Krystyna Jaworska, docente di lingua e letteratura polacca dell’Università di Torino, e dalla dottoressa Sarah Kaminski del Dipartimento di lingua e letteratura ebraica dell’Università di Torino. Per assistere all’evento è richiesta la prenotazione on-line al link SiTickets (www.comune.cuneo.it) ed è necessario, nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti, essere in possesso del Green Pass rafforzato.

Le città di Cuneo, Saluzzo e Racconigi ospitano, in occasione del Giorno della Memoria, la proiezione del documentario “Dove danzeremo domani”, l’opera della regista francese Audrey Gordon che racconta, attraverso la storia d’amore di una coppia sopravvissuta alla Seconda Guerra Mondiale, i rapporti tra italiani ed ebrei, tra il 1940 e il 1943, durante l’occupazione italiana nel sud est della Francia e subito dopo l’Armistizio dell’8 settembre 1943. A Racconigi la pellicola viene proiettata domenica 30 gennaio alla Soms alle 17. All’incontro sarà presente la regista, la cui famiglia fu direttamente coinvolta nelle vicende raccontate nella pellicola.

Info: www.facebook.com/associazioneprogettocantoregi

A Saluzzo è in programma lunedì 31 gennaio al Cinema Teatro Magda Olivero, alle 9 e alle 11 per le scuole e alle 21 per il pubblico (info su www.cinemateatromagdaolivero.it)

A Cuneo l’appuntamento è per martedì 1° febbraio, alle 21 al Cinema Monviso (info su www.istitutoresistenzacuneo.it).

A Genola, in occasione della Giornata della Memoria, sabato 29 gennaio alle ore 21 presso il teatro Gianfranco Bonavia, sarà rappresentato “Parole di memoria” con Maria Teresa Milano, Luca Margaria e con la musica del polistrumentista Luca Pellegrino. L’incontro si svolgerà in presenza per persone in possesso del super Green pass, e in diretta streaming sul canale Youtube di Genitori in cortile. Info: www.facebook.com/associazione.incortile.genola

A Savigliano, sabato 29 gennaio al Teatro Milanollo alle 20.45 è in programma la presentazione del libro, e relativa conferenza “Per non dimenticare – la shoah dei bambini” a cura del Prof. Bruno Maida, seguita alle 21,30 dallo spettacolo teatrale “Il ballo di Irene” ovvero l’incredibile storia di Irène Némirovsky (la vita della scrittrice di Suite francese). Con Alessia Olivetti,

scritto e diretto da Andrea Murchio, con la consulenza di Bruno Maida docente storia contemporanea dell’Università di Torino. Ingresso libero. Info: www.comune.savigliano.cn.it

Verrà presentato sabato 29 gennaio a Manta nella chiesa di Santa Maria del Monastero alle ore 18 il libro "Ebrei a Saluzzo 1938-1945" di Adriana Muncinelli, insegnante in pensione di storia e filosofia nei licei e di lettere alla scuola media. Sarà l'avvocato Antonio Brunetti, nipote del partigiano Isacco Levi, a introdurre l'autrice del libro, con la quale dialogherà nel corso della presentazione. Il libro narra la microstoria della minuscola comunità ebraica di Saluzzo, martoriata dalle leggi razziali dal 1938 al 1945. Ingresso libero. Obbligatorio il green pass rafforzato.

A Boves fino al 31 gennaio è in corso “Romanipen: identità e storia della cultura romanì”, mostra multimediale contro la discriminazione di Rom e Sinti dalle 14 alle 18 nell’ex confraternita Santa Croce Auditorium Don Luciano in via Roma. L’esposizione rientra fra le iniziative del progetto europeo Latcho Drom, ed è stata finanziata dal Right Equality and Citizenship Programme, promosso dall’associazione Comunità Papa Giovanni XXIII.

Info: www.comune.boves.cn.it nella sezione eventi.

Spettacoli teatrali

A Busca è in programma il primo spettacolo della stagione 2022 di Santibriganti Teatro “E le risalite”. Ad aprire il nuovo anno sarà “Da gadan” di e con i Trelilu, in programma per sabato 29 gennaio, alle 21 al Teatro Civico di Busca. Sul palco Roberto “Spiegazza” Beccaria, Roberto “Bertu” Bella, Piero “Peru” Ponzo e Francesco “Franco” Bertone che proporranno uno spettacolo divertente tra melodie originali di vario genere popolare, musiche, testi e dialoghi alla cui comicità non si può resistere. Info: www.facebook.com/comunedibusca

Ad Alba appuntamento sabato 29 gennaio alle ore 21 e domenica 30 gennaio alle ore 17 con la tradizionale rassegna “Teatro del Territorio” a cura del Teatro Sociale “G. Busca”. Il debutto è affidato alla Compagnia Il Nostro Teatro di Sinio che porta in scena il suo nuovo spettacolo “Ra legittima”, per la regia di Oscar Barile. La storia raccontata è ambientata in una cascina delle Langhe a fine anni Cinquanta del Novecento ed è un affresco di una famiglia che, alla morte del padre, non si accorda sulla divisione dei beni lasciati in eredità. Biglietti in vendita al botteghino del teatro a partire da due ore prima dell’inizio dell’evento o sul sito www.ticket.it

Al Marenco di Ceva Il calendario degli spettacoli sarà aperto domenica 30 gennaio alle 21 dal maestro Vince Tempera, che annovera collaborazioni con Guccini, Nomadi, Loredana Bertè, Mina, Marcella Bella, Fiordaliso, Giuni Russo ed è autore e musicista delle sigle di alcuni dei più famosi cartoni animati degli Anni ’70 e ’80, da Ufo Robot e Goldrake all’Ape Maia a Capitan Harlock a Hello Spank, Remì e Anna dai capelli rossi. Al Marenco racconterà e interpreterà “Da Fellini a Tarantino”, colonne sonore italiane di successo nel mondo. Info: tel. 338 5228451.

A Cuneo sabato 29 gennaio, alle 21 al Teatro Toselli, la compagnia dialettale D’la Vila di Verzuolo mette in scena la commedia brillante in due atti di Christian La Rosa “Finalment... la mia ocasiun”. Lo spettacolo è la storia di un artista umile e incompreso da tutti, ormai abbandonato ad una malinconica rassegnazione. Inaspettatamente un giorno si presenta la sua grande occasione, da cogliere con coraggio e astuzia, ci riuscirà? È questo il dilemma che con situazioni, emozioni e continui colpi di scena terrà lo spettatore interessato e incuriosito ino alla fine dove ad attenderlo ci sarà una chiusura simpaticamente imprevedibile. Info: www.comune.cuneo.it/cultura/teatro

Outdoor

A Pian Munè, Paesana, le piste da sci sono aperte nel fine settimana. Per chi vuole raggiungere la località per un trekking invernale questo è il periodo giusto: giornate soleggiate, temperature ideali e panorami mozzafiato. Si raccomanda l’uso della giusta attrezzatura, meglio se con ramponcini. Il rifugio Pian Munè a 1535 metri è aperto tutte le sere. Il Rifugio in quota è aperto il fine settimana. Info: www.pianmune.it e www.facebook.com/PianMune

A Frabosa Soprana è possibile sciare su tutta la pista di Malanotte, compresa la parte bassa.

Info: www.facebook.com/frabosaski Anche ad Artesina si può sciare. Scopri le piste aperte su: www.facebook.com/Artesina

Ad Entracque le piste da fondo sono aperte grazie all'innevamento artificiale, che consente di poter godere della neve. Sono aperti alcuni impianti, la seggiovia e il tappeto, con il campo scuola per chi vuole muovere i primi passi sulla neve in tutta sicurezza.

Info: www.facebook.com/centrofondoentracque

A Chiusa Pesio è aperta la pista di sci di fondo da 2,5 km del Centro sportivo Marguareis. Presso il Centro è possibile noleggiare sci con materiali nuovi e tecnicamente evoluti sia per la tecnica classica che per la tecnica libera. Sono presenti spogliatoi, servizi, infermeria dotata di defibrillatore. Info: www.vallepesioservizi.it

Anche a Sampeyre si scia. La stazione sciistica comprende 15 chilometri di piste. Quattro gli impianti di risalita, due le seggiovie e due i punti di ristoro in quota.

Info e aggiornamenti: www.facebook.com/sampeyre365

Per avere un panorama completo delle stazioni sciistiche della Granda vai su: www.cuneoneve.it

Bruna Aimar

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di LaVoceDiAlba.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium