/ Agricoltura

Agricoltura | 23 gennaio 2022, 18:26

Scanavino (CIA): “Il ‘caro energia’ danneggia fortemente le piccole imprese agricole”

"Le PMI del settore – ha affermato il presidente nazionale, piemontese – pagano l’elettricità il 75,6% in più e il gas addirittura il 133,5% rispetto le grandi"

Scanavino (CIA): “Il ‘caro energia’ danneggia fortemente le piccole imprese agricole”

Il ‘caro energia’ grava anche sui bilanci delle piccole aziende agricole, come ha rimarcato il presidente nazionale CIA Dino Scanavino.

La digitalizzazione delle imprese è un passaggio ineluttabile, come la transizione ecologica, “che però funzionerà solo se l’approccio green sarà un valore aggiunto per il reddito delle imprese e non costo che assottiglia ulteriormente margini di profitto già bassissimi”, ha affermato Scanavino.

Da mesi Cia segnala rincari su concimi, gasolio ed energia. “Le piccole e medie imprese, secondo dati Eurostat, stanno pagando l’energia elettrica il 75,6% in più e il gas addirittura il 133,5% in più delle grandi. La semina e, quindi, la produzione del 2022 è in forte discussione per molte aziende - ha denunciato Scanavino – a queste condizioni la produzione agricola nazionale non può reggere la concorrenza di paesi europei ed extraeuropei che hanno costi nettamente più bassi”.

Forte l’allarme lanciato dall’assemblea anche per le conseguenze della peste suina veicolata dai cinghiali. “Abbiamo denunciato il rischio di quanto poteva accadere in tempi non sospetti – ha commentato il presidente di Cia Piemonte, Gabriele Careninii cinghiali da abbattere non sono meno di 15/20 mila. E’ ora di agire mettendo in campo forze straordinarie”.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium