/ Curiosità

Curiosità | 17 gennaio 2022, 14:05

Oggi è il Pizza day: per 24 ore protagonista in tutto il mondo

Origini di questa ricorrenza che si svolge ogni anno il 17 gennaio

Oggi è il Pizza day: per 24 ore protagonista in tutto il mondo

Acqua, farina, lievito e poi passata di pomodoro, mozzarella, basilico fresco ed un filo d’olio: è sua maestà la pizza, protagonista assoluta di questa giornata.

Lunedì 17 gennaio, infatti, oltre ad essere il Blue Monday (il giorno più triste dell’anno), è anche il Pizza Day. Chi, dunque, dovesse sentirsi particolarmente triste in questo giorno, potrà facilmente tirarsi su di morale con una buona pizza.

A portafoglio, fritta, al taglio, classica o gourmet. E ancora 4 formaggi, 4 stagioni, Margherita, marinara (oh, se le elenchiamo tutte domani siamo ancora qui), la pizza è un piatto italiano che mette d’accordo proprio tutti come capita soltanto ai grandi capolavori o alle star planetarie. 

Perché il Pizza Day ricorre proprio il 17 gennaio? In questa data si celebra Sant’Antonio Abate, santo protettore degli animali, dei fornai e pizzaioli. Un giorno per onorare forse il piatto più amato e mangiato al mondo.

Insomma, la pizza è una questione non seria, serissima: ce ne accorgiamo quando tocca decidere dove andare a mangiarla il sabato sera. Secondo la leggenda, la prima pizza Margherita venne sfornata a Napoli tra l’11 e il 12 giugno del 1889. Si racconta che il pizzaiolo Raffaele Esposito, della pizzeria Brandi, sarebbe stato convocato alla Reggia di Capodimonte e, utilizzando i forni del posto, avrebbe ideato quella pizza con i tre colori della bandiera italiana, dandole il nome della regina Margherita.

Da allora, il suo fatturato ha superato i 100 miliardi di euro, confermandosi un tesoro del Made in Italy e un simbolo del successo della dieta mediterranea nel mondo. Non a caso, l’Unesco ha proclamato nel 2017 l’arte dei pizzaioli patrimonio immateriale dell’umanità. Nonostante le origini tutte partenopee, la pizza parla tutte le lingue. I maggiori consumatori, incredibile a dirsi, non sono gli italiani, ma gli americani, con 13 chili a testa. Gli italiani guidano la classifica in Europa con 7,6 chili all’anno e staccano spagnoli (4,3), francesi e tedeschi (4,2), britannici (4), belgi (3,8), portoghesi (3,6) e austriaci che, con 3,3 chili di pizza pro capite annui, chiudono la classifica.

L’ottimo limoncello fatto in casa è la degna conclusione nel caso si decida di accompagnare la pizza ai fritti napoletani. Digestione assicurata.

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium