/ Attualità

Attualità | 12 gennaio 2022, 15:15

Alba, il Comune si compra le case occupate di Piana Biglini. I 13 alloggi andranno all’Atc

Impegno da 650mila euro per mettere fine all’annosa vicenda dell’edificio divenuto ricettacolo di sbandati e senza tetto. L'Agenzia Territoriale per la Casa si occuperà della loro ristrutturazione, per poi affidarli a famiglie in graduatoria

Il complesso di via Garelli, nella frazione albese di Piana Biglini

Il complesso di via Garelli, nella frazione albese di Piana Biglini

E’ con un impegno finanziario da 650mila euro che l’Amministrazione comunale albese punta a mettere fine all’annosa vicenda legata a parte del complesso di frazione Piana Biglini che in passato fu oggetto a più riprese di episodi di occupazioni abusive e danneggiamenti.

La porzione dello stabile di via Garelli si trova al centro di due ali che l’Agenzia Territoriale per la Casa (Atc) acquistò nel 2010 dal costruttore per farne alloggi da affidare a famiglie di residenti inserite nelle graduatorie dell’ente. Il corpo centrale rimase invece di proprietà di un privato, che da anni denuncia l’impossibilità di utilizzare una proprietà divenuta col tempo il ricettacolo di senza tetto e sbandati, la cui presenza, denunciata con preoccupazione anche dai residenti della frazione, ha portato col tempo a un ammaloramento generale dell’edificio, ora bisognoso di un severo intervento di ristrutturazione.     

Una situazione incresciosa, che anni addietro divenne anche oggetto di contesa politica, con diversi sopralluoghi effettuati da esponenti del centrodestra guidati dall’allora europarlamentare Alberto Cirio e dall’allora candidato sindaco e oggi primo cittadino Carlo Bo.

Dopo un ultimo confronto con la Regione e l’Atc avvenuto nel giugno scorso, lo stesso sindaco ha ora dato il proprio placet all’acquisto dell’immobile da parte del Comune, tramite il ricorso ai fondi propri derivanti dall’avanzo di amministrazione 2021 e con la prospettiva di un possibile finanziamento regionale. Il Comune girerebbe poi i tredici alloggi, che hanno metrature comprese tra i 60 e gli 80 metri quadrati, e le sette autorimesse presenti al suo interno alla stessa Atc, che si occuperebbe di ristrutturarli attingendo ai fondi dell’ecobonus 110%, per poi fare entrare le unità abitative nel patrimonio di appartamenti da affidare a famiglie inserite nelle graduatorie della stessa agenzia. 

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium