/ Attualità

Attualità | 11 gennaio 2022, 10:00

Fede più forte del Covid a Bra con la preghiera in stile Taizé alla Madonna dei Fiori

Appuntamento venerdì 14 gennaio, alle ore 21, con Giona Cravanzola, diacono della comunità Giovanni XXIII

Particolare del mosaico di Rupnik, Santuario nuovo della Madonna dei Fiori, a Bra

Particolare del mosaico di Rupnik, Santuario nuovo della Madonna dei Fiori, a Bra

La fede è più forte del Covid a Bra. Venerdì 14 gennaio, alle ore 21, è di scena il primo appuntamento del 2022 con le preghiere in stile Taizé, che si svolgono nella cripta del Santuario nuovo della Madonna dei Fiori. Guiderà l’incontro Giona Cravanzola, diacono della comunità Giovanni XXIII.

L’iniziativa è partita da alcuni giovani braidesi che hanno fatto esperienza della comunità fondata nel 1940 da frère Roger. Già da diversi anni sono impegnati nell’animazione di una preghiera cittadina, aperta a tutti, senza distinzione di Parrocchie, gruppi, movimenti ed età, come segno di una comunione e di una fiducia in Dio e tra gli uomini necessaria per ottenere la vera pace.

La preghiera di Taizé è fatta soprattutto di silenzio, canti, meditazione della Parola e si tiene in un’atmosfera di raccoglimento e di accoglienza: l’ambiente viene illuminato dalla calda luce di molte candele, vengono stesi attorno all’altare tappeti variopinti, perché i fedeli possano sedere gli uni accanto agli altri in perfetto stile ecumenico.

Stanno sulle dita di una mano le proposte che la comunità di Taizé offre ai giovani per vivere “Il coraggio della Misericordia”. La prima è “Affidarci a Dio che è Misericordia”. La seconda è “Perdonare sempre e ancora”. La terza: “Avvicinarsi da soli o insieme ad altri, a una situazione di difficoltà”. C’è poi la richiesta di “Espandere la misericordia alle sue dimensioni sociali”, in particolare a “Donne, uomini e bambini che sono costretti ad abbandonare la propria terra”. E ancora: “Andiamo oltre la paura dello straniero, delle differenze di cultura”, perché se l’afflusso dei rifugiati e dei migranti crea delle difficoltà, può anche offrire delle possibilità.

I prossimi incontri osserveranno le seguenti date: venerdì 11 febbraio con Elisa Cagnazzo della Fraternità della Trasfigurazione; venerdì 11 marzo con gli sposi cristiani Chiara e Luca Lorusso; venerdì 8 aprile con le Sorelle Clarisse di Bra; conclusione venerdì 13 maggio con Mattia Miggiano, seminarista della diocesi di Nardò-Gallipoli.

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium