ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Cronaca

Cronaca | 02 gennaio 2022, 12:17

Lo scandalo dell’attore Calissano aveva coinvolto anche la Granda

Era il 2005 e la ragazza brasiliana che morì a casa sua di overdose, abitava a Mondovì

Paolo Calissano

Paolo Calissano

Abitava e lavora in provincia di Cuneo la ragazza che morì per overdose in casa di Paolo Calissano, l’attore genovese trovato deceduto alcuni giorni fa in casa sua a Roma, probabilmente per colpa di un mix di farmaci.

Era il settembre del 2005 e da lì iniziò la tragica parabola che portò Calissano in un centro di recupero a Trofarello, in provincia di Torino, dove scontò anche la pena di quattro anni per la morte di Ana Lucia Bandeira, 31 anni, originaria del Brasile ma da anni residente tra Cuneo e Mondovì, dove viveva quando morì.

“Anina” - come la chiamavano i suoi amici - aveva lavorato per molti anni in alcuni night club della Granda ed anche in un noto ristorante brasiliano, poi si era innamorata di un carabiniere monregalese ed era andata a convivere con lui. In quel periodo aveva trovato un posto di lavoro come operaia, fino a quando la scadenza del permesso di soggiorno aveva rimesso tutto in gioco.

Anina si lascia con il carabiniere e decide di trasferirsi almeno per qualche giorno alla settimana a Genova, dove aveva  già lavorato anni prima. Qui incontra l’attore e inizia una relazione con lui.

“Anina diceva che Paolo era il suo fidanzato”, raccontavano ai tempi le amiche. Un amore finito tragicamente e che qualche giorno fa ha avuto il suo epilogo peggiore.

NaMur

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium