ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 30 novembre 2021, 16:38

In classifica per accessibilità le stazioni della Granda: Fossano la più fruibile dalle persone con disabilità

Lo studio presentato in Regione nel pomeriggio di oggi (martedì 30 novembre) vede la città degli Acaja, Cuneo e Bra come le strutture migliori; fanalino di coda la stazione di Borgo San Dalmazzo

La stazione di Fossano

La stazione di Fossano

Sono Fossano, Bra e Cuneo le stazioni ferroviarie della provincia Granda più rappresentative dal punto di vista dell'accessibilità, secondo lo studio elaborato da Adiconsum Piemonte, Adoc Piemonte e Federconsumatori e presentato nel pomeriggio di oggi (martedì 30 novembre) in Regione Piemonte.

Il lavoro si compone di due parti: la prima ha visto intervistate 184 persone con disabilità diverse, la seconda ha acceso invece un riflettore su 60 stazioni, sulle 220 totali presenti nella nostra regione, con ispezioni nel 2021: di quelle esaminate 26 sono in provincia di Torino, otto in quella di Alessandria, sette nell’Astigiano e nel Cuneese. La classifica stilata - che presenta faccine verdi, gialle e rosse per indicare il livello di corrispondenza della stazione in uno degli specifici indicatori - permette quindi di osservare lo stato dell'arte delle varie strutture per la segnaletica sonora, la segnaletica visiva, i servizi igienici, i percorsi in piano alle banchine, i percorsi con indicatori tattili e tattilo-plantari, lo stato della linea gialla e la facilità di salita sul treno dalla banchina.

Palma d'oro della provincia è senza dubbio la stazione di Fossano, che performa in tutti gli indicatori e viene descritta nel report regionale come una "stazione ben collegata a quella del bus con indicatori tattilo-plantari, fruibile da disabili e ipovedenti e che presenta ascensori per raggiungere i binari". Curiosamente la stazione di Cuneo ("accessibile nel complesso, con vari indicatori tattilo-plantari ma scomoda da raggiungere per persone con difficoltà motorie") e quella di Bra ("molto accessibile ma con servizi igienici chiusi") cedono il passo nel terzo indicatore - quello dei servizi igienici, appunto - pur riportando ottimi risultati negli altri sei.

La stazione di Mondovì presenta "criticità per persone non vedenti o ipovedenti", riportando bollino verde in tutto tranne che negli indicatori dei percorsi in piano alle banchine e di quelli con indicatori tattili e tattilo-plantari. Racconigi e Savigliano - entrambe indicate come stazioni "ben tenute ma per 2/3 inaccessibili ai disabili motori" - performano negli indicatori della segnaletica sonora e dei percorsi con indicatori tattili e tattilo-plantari, ma scivolano su quelli dei percorsi in piano alle banchine, dello stato della linea gialla e della facilità di salita sul treno dalla banchina.

Fanalino di coda per la stazione di Borgo San Dalmazzo, impietosamente descritta dai dati come una struttura con un ingresso non agevole e priva degli indicatori tattilo-plantari con un solo binario su tre accessibile con sedia a ruote: la stazione borgarina performa unicamente nell'indicatore della segnaletica sonora, cedendo il passo in quasi tutti gli altri.

Gli investimenti fatti negli ultimi anni – ha osservato l’assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusistanno dando i loro frutti. Siamo ancora lontani dal risultato perché bisogna migliorare la situazione delle stazioni intermedie”. “C’è la necessità di arrivare alla conclusione di un contratto a lungo termine con Trenitalia, in modo da consentire investimenti anche nel settore accessibilità” ha concluso.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium