ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Cronaca

Cronaca | 04 novembre 2021, 11:57

Donna 81enne in fin di vita, marito ai domiciliari: si indaga sull'aggressione dopo un litigio nei boschi di Peveragno

E' in prognosi riservata da una settimana al Santa Croce di Cuneo con una vistosa ferita alla testa, riconducibile, parrebbe, a lesioni da bastonata. L’uomo (82 anni) al momento è indagato per lesioni personali aggravate da futili motivi e dalla legge del “codice rosso” che tutela i rapporti coniugali e di coppia, ma potrebbe variare in tentato omicidio

Donna 81enne in fin di vita, marito ai domiciliari: si indaga sull'aggressione dopo un litigio nei boschi di Peveragno

Da una settimana è in prognosi riservata all’ospedale Santa Croce di Cuneo. Sta lottando tra la vita e la morte una donna di 81 anni, originaria di Monterosso Grana e residente in provincia di Cuneo. Di più sulla sua identità non è dato sapere visto che gli inquirenti stanno cercando di fare chiarezza su una vicenda che, a giorni di distanza, resta ancora nebulosa.         

Ciò che è noto è che la donna si trovava lo scorso 28 ottobre con il marito (classe ‘39) nei boschi in frazione San Giovenale di Peveragno, comune dove i due non sono residenti.

La coppia stava raccogliendo castagne nei pressi dell’abitazione di un famigliare. Rincasando nel tardo pomeriggio, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe scaturito un diverbio, come avrebbe confermato in un secondo momento lo stesso 82enne al Gip di Cuneo.

Sulla causa del litigio e su cosa sia accaduto nei momenti immediatamente successivi permangono ancora alcuni dubbi, al momento ancora al vaglio degli inquirenti.

Poco prima delle 19 lo stesso uomo ha chiamato i soccorsi. Cercando aiuto ha incontrato un residente nei pressi del luogo dove è avvenuto l’incidente e in stato confusionale gli avrebbe detto che nel bosco si trovava una donna ferita. Mai però specificando che si trattasse di sua moglie.

Giunti sul posto con ambulanza i sanitari hanno cercato di stabilizzare la donna con visibili e importanti ferite alla testa. Ferite riconducibili più a un’aggressione rispetto ad un semplice incidente. Identificata come moglie dell’uomo che ha lanciato l’allarme, vista la matrice non chiara dei traumi riportati (parrebbe riconducibili a lesioni da bastonata), sono stati avvisati i carabinieri del Reparto Operativo di Cuneo.

Sentito subito dopo il ricovero della moglie, l’82enne è stato tratto in arresto la sera stessa e al momento si trova ai domiciliari. Aperto un fascicolo dalla Procura di Cuneo sulla vicenda. L’uomo al momento è indagato per lesioni personali aggravate da futili motivi e dalla legge del “codice rosso” che tutela i rapporti coniugali e di coppia, ma potrebbe variare in tentato omicidio.

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium