/ Eventi

Eventi | 20 ottobre 2021, 13:35

Via Roma sommersa dall'acqua: venerdì si accendono le luci della mostra “Cuneo Provincia Futura”

La più grande mostra a cielo aperto organizzata dalla Fondazione CRC sarà inaugurata a Cuneo venerdì 22 ottobre. Dedicata alle sfide del futuro e composta da videoinstallazioni luminose e sonore, uniche e originali, studiate dal regista e show designer Alessandro Marrazzo. Sabato 23 l'inaugurazione ad Alba, Bra e Mondovì

L'installazione prevista in via Roma a Cuneo

L'installazione prevista in via Roma a Cuneo

Via Roma sommersa dall'acqua. Palazzo Vitale che ospita un cucciolo di robot. Piazza Virginio  alla conquista dell’immortalità. Una foresta pluviale nel Complesso di Santa Croce per ragionare sulla deforestazione. In piazza Galimberti un monumentale laser mapping sul tema dell’intelligenza artificiale e della quarta rivoluzione industriale. In piazza Europa le immagini degli animali in via di estinzione.

Ecco cosa sarà “Cuneo Provincia Futura - La più grande mostra a cielo aperto”, dedicata alle sfide del futuro e composta da dieci videoinstallazioni luminose e sonore, uniche e originali, studiate dal regista e show designer Alessandro Marrazzo.

Le sei installazioni di Cuneo saranno inaugurate venerdì 22 ottobre: si inizierà dalle due di via Roma (ore 19.30 e 20) per passare poi in piazza Virginio (ore 20.30), al Complesso di Santa Croce (ore 21), in piazza Europa (ore 21.30) e in piazza Galimberti (ore 22).

Sabato 23 ottobre invece verranno accese le installazioni di Mondovì (rione Piazza), Bra (piazza Caduti della Libertà) e Alba (piazza Risorgimento e piazza Ferrero). Le proiezioni luminose saranno attive e fruibili liberamente dal giovedì alla domenica dalle ore 19 alle 22.30, nel periodo dal 23 ottobre al 21 novembre 2021.

“Abbiamo iniziato a lavorare a Cuneo Provincia Futura in uno dei momenti più difficili degli ultimi anni: volevamo promuovere una manifestazione capace di far riflettere sui grandi cambiamenti in corso e, insieme, far rivivere alle persone l’emozione di partecipare a un evento dal vivo, pur con le necessarie attenzioni dettate dall’emergenza sanitaria” commenta Ezio Raviola, Vice Presidente della Fondazione CRC. “Con Cuneo Provincia Futura realizziamo non solo un evento, ma un vero e proprio progetto di valorizzazione territoriale, che per la prima volta porta a Cuneo, Alba, Bra e Mondovì una mostra a cielo aperto, in collaborazione con amministrazioni locali, enti e imprese del territorio che hanno creduto in questo progetto. I temi al centro delle 10 installazioni, le modalità e i luoghi scelti sono connessi alle attività della Fondazione e alle tre sfide individuate dal nostro Piano Pluriennale 2021-24 per i prossimi anni: +Sostenibilità, +Comunità, +Competenze”.

“Ho cominciato a pensare al progetto di Cuneo Provincia Futura nei giorni di inquietante irrealtà che hanno caratterizzato il 2020. Questo strano periodo ha fermato il tempo, ma ha anche fermato in un certo senso il futuro. Ripensare il futuro era il tema sul quale volevo coinvolgere il pubblico. Volevo rendere quelle facciate, quelle strade, quelle piazze protagoniste di una nuova vita: per questo la luce e tutte le tecnologie più all’avanguardia sono le protagoniste di questa mostra ed è così che ho realizzato le 10 installazioni come una grande orchestra, in cui gli strumenti musicali sono diventati luci, videoproiezioni, laser, scenografie, suoni” precisa il regista e show designer Alessandro Marrazzo, ideatore della mostra.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium