/ Sanità

Sanità | 30 settembre 2021, 18:30

Vaccino, terza dose immediata per il personale sanitario: Cirio e Icardi si appellano al commissario Figliuolo

Nel territorio delle Asl cuneesi si partirà da lunedì con la terza dose per 47.700 sogetti tra over80, ospiti e personale delle Rsa

Foto generica

Foto generica

In vista della partenza delle terza dose per gli ultra 80enni e gli ospiti e il personale delle Rsa - che in Piemonte inizieranno a essere inoculate lunedì 4 ottobre - nella mattina di oggi (giovedì 30 settembre) l’assessorato alla Sanità ha provveduto a trasmettere alle Asl gli elenchi dei soggetti interessati da questa nuova fase della campagna vaccinale.

Già oggi, le aziende hannno potuto iniziare le convocazioni degli over80 mentre nelle Rsa la vaccinazione avverrà all’interno delle strutture, che potranno procedere con personale proprio, oppure chiedere il supporto delle squadre vaccinali delle Asl.

Proprio nella giornata in cui - in Regione - si sfonda la quota di 6 milioni di vaccinazioni prodotte: un risultato che per il Presidente e l’Assessore alla Sanità della Regione ribadiscono ancora una volta il ritmo veloce che si è voluto imprimere alla campagna vaccinale, con il grande supporto di tutto il sistema sanitario, delle istituzioni e del mondo imprenditoriale, per garantire la maggiore sicurezza possibile alla popolazione e la ripresa delle attività economiche

Dopo i circa 53.000 immunodepressi per i quali la somministrazione delle terze dosi è già partita, questa nuova fase interesserà in Piemonte circa 374.000 persone. In particolare, come previsto dalla circolare del ministero della Salute, si inizierà dagli oltre 161.000 cittadini over80 e ospiti e operatori delle Rsa, che hanno concluso il ciclo vaccinale da almeno sei mesi. Via via le aziende attingeranno dalla piattaforma regionale i nominativi di coloro che superano questa soglia fino ad arrivare ad immunizzare la platea complessiva.

Il Presidente della Regione e l’assessore alla Sanità sottolineano come il Piemonte riesca ogni volta ad attivarsi prontamente per affrontare le evoluzioni della campagna vaccinale, grazie soprattutto all’impegno e alla dedizione degli operatori del sistema sanitario. Il Piemonte è stato tra i primi a partire il 20 settembre con le somministrazioni agli immunodepressi e lo sarà ancora adesso per questa nuova fascia particolarmente fragile, che è fondamentale proteggere.

Il Presidente e l’Assessore hanno però scritto oggi al commissario Figliuolo per chiedere che si proceda immediatamente anche con la terza dose per il personale sanitario, tra i primi a concludere il ciclo vaccinale nella prima fase, ma anche tra coloro sono in prima linea da quasi due anni e che è fondamentale possano continuare a lavorare in sicurezza, per loro e per i pazienti.

Per quanto riguarda gli over80, i soggetti da vaccinare sono oltre 313.000 (a cui vanno sommati i 20 mila compresi tra gli ospiti delle Rsa). Di questi 113.000 hanno già concluso il ciclo vaccinale da almeno 6 mesi. Nelle Rsa, il totale è di circa 30.000 ospiti e altrettanti operatori, di cui rispettivamente 24.000 e 25.000 con ciclo completato da sei mesi.

L'Asl Cn1 ha un totale di 33.300 tra over80 (26.100) e ospiti (3.300) e personale (3.900) delle Rsa; di questi, 11.500 hanno concluso il ciclo da almeno 180 giorni, e nelle tre cateogrie 5.700, 2.500 e 3.300 soggetti.

L'Asl Cn2 ha un totale di 14.400 tra over80 (11.500) e ospiti (1.700) e personale (1.200) delle Rsa; di questi, 7.000 hanno concluso il ciclo da almeno 180 giorni, e nelle tre cateogrie 5.000, 1.000 e 1.000 soggetti.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium