/ Attualità

Attualità | 22 settembre 2021, 15:11

La Langa del Barolo investe sull’illuminazione pubblica e taglia le bollette del 65%

Tecnologia Led per quasi 500 punti luce in nove centri dell’Unione di Comuni. Nuovi pannelli informativi informeranno la popolazione sulle allerte meteo

Una veduta di Monforte d'Alba, tra i centri interessati dal progetto dell'Unione di Comuni (foto Barbara Guazzone)

Una veduta di Monforte d'Alba, tra i centri interessati dal progetto dell'Unione di Comuni (foto Barbara Guazzone)

Diminuire le emissioni inquinanti e risparmiare sulle bollette. Questi gli obiettivi del progetto sull’illuminazione pubblica promosso dall’Unione dei Comuni di Langa e del Barolo con un investimento da 400mila euro, finanziato per l’80% dalla Regione grazie ai fondi Fesr.

Un primo lotto di interventi era stato ultimato in primavera. Curato dello studio Integra studio associato Borgna & Degiovanni con sede ad Alba, aveva consentito di ammodernare la rete dell’illuminazione pubblica in tutti i 9 centri facenti parte dell’Unione: Barolo, Castiglione Falletto, Grinzane Cavour, Monchiero, Monforte d’Alba, Novello, Roddi, Roddino e Sinio.

Ora l’ente intercomunale si appresta a concludere l’opera con nuovi lavori in sei paesi. In particolare a Castiglione Falletto saranno sostituiti 20 corpi illuminanti ed è prevista l’installazione di 2 nuovi punti luce, posizionati in zone strategiche sul territorio comunale; a Grinzane Cavour saranno sostituiti 160 corpi illuminanti; a Monforte d’Alba si interverrà su 32 corpi illuminanti; a Novello saranno 58 le lampade di cui è prevista la sostituzione, insieme all’installazione di 2 nuovi punti luce; a Roddi saranno sostituiti 180 corpi illuminanti; a Roddino, infine, sono previste 18 sostituzione di lampade e l’installazione di 2 nuovi punti luce.

«L’intervento
– spiegano i sindaci – ha previsto la sostituzione di 468 lampade dotate di sorgente luminosa a vapori di mercurio o al sodio con nuovi corpi illuminanti caratterizzati da una tecnologia performante a Led di primaria marca e temperatura colore 3.000°K. Questa sostituzione garantirà un risparmio di energia elettrica stimato intorno al 65% del consumo in kWh».

Oltre al risparmio energetico, con la nuova impiantistica sarà garantito anche il rispetto delle norme legate all’illuminazione stradale e alle norme regionali che prevedono, per una corretta illuminazione pubblica di strade e arterie, un abbattimento dell’inquinamento luminoso disperso. Inoltre, un ulteriore risparmio sarà ricavato grazie alla sistemazione e messa a norma dei quadri elettrici di comando.

«Per quanto riguarda i sostegni – spiegano ancora i sindaci dell’Unione – è stata prevista la sostituzione di quelli ammalorati o danneggiati, in maniera da garantire la sicurezza dei cittadini. Saranno installati una serie di pannelli informativi che serviranno per la comunicazione dello stato di emergenza meteorologico, collegati tramite Sim alle stazioni di sicurezza della protezione civile e dotati di semafori, oltre che di messaggi personalizzabili, per poter segnalare le allerte meteo previste nei Comuni e purtroppo sempre più frequenti anche nel nostro territorio e per cui, dunque, occorre un’informazione tempestiva al cittadino. Un sistema intuitivo ed efficace, anche per raggiungere facilmente la fascia della popolazione anziana, tenuto conto che circa il 25% dei residenti dell’Unione è over 70».

Concludono i sindaci: «Tutti gli interventi di sostituzione andranno a terminare il lavoro di efficientamento dell’impianto di illuminazione pubblica iniziato alcuni mesi fa con la prima fase di intervento, che ha già fornito un risparmio di energia elettrica, e quindi di economie, ai Comuni che hanno aderito».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium