/ Attualità

Attualità | 26 agosto 2021, 10:11

Parte con leggero ritardo il cantiere sullo storico ponte del Gesso. Previsti rallentamenti alla viabilità

I lavori consistono nel consolidamento del ponte storico in muratura lungo la strada provinciale 442 di Cuneo. Si tratta del secondo lotto da 950 mila euro che prevede migliorie strutturali

Foto Settore Viabilità Provincia di Cuneo

Foto Settore Viabilità Provincia di Cuneo

E’ partito nella giornata di ieri, mercoledì 25 agosto, con un piccolo ritardo di due giorni rispetto al cronoprogramma annunciato nelle settimane scorse, l’intervento della Provincia sullo storico ponte sul Gesso. I lavori consistono nel consolidamento del ponte storico in muratura lungo la strada provinciale 442 di Cuneo e rientrano nel secondo lotto degli interventi da attuare su questo tratto.       

I lavori saranno svolti dalla Cores4n ditta proveniente da Venegono Superiore in provincia di Varese che nei mesi scorsi ha ottenuto l’appalto sul viadotto del capoluogo. Il primo intervento prevede il montaggio del ponteggio che servirà per procedere alla messa a punto delle arcate: l’allestimento della struttura propedeutica ai lavori sarà effettuata dalla subappaltatrice Panizza 1914 di Trenzano, nel bresciano.

Il primo lotto di lavori sul ponte del Gesso si era concluso nel 2020 e prevedeva lavori di sistemazione idraulica e opere di protezione antierosiva delle fondazione due ponti. Il tutto per un costo di 1,4 milioni. I lavori cominciati ieri, invece, prevedono il consolidamento della parte in elevazione del manufatto oltre a migliorie strutturali di sicurezza per quanto concerne l’adeguamento anti-sismico per un costo di 950 mila euro.

Come si legge nella nota della Provincia la progettazione è stata condotta dall’ingegnere Lorenzo Jurina di Milano, professore associato al Politecnico di Milano, specialista negli interventi di riabilitazione e consolidamento strutturale di opere murarie sottoposte a vincolo della Sopraintendenza. Il coordinamento e la direzione dei lavori saranno invece mano allo studio Jurina e Radaelli di Monza

In parallelo, non visibile sul piano stradale, verrà attuato un intervento di Italgas, a cura dell’impresa Falf, per la posa sotto l’alveo di tubi di gas metano fino ad oggi ancora agganciati al vecchio ponte e che dovranno essere smantellati su richiesta della Sopraintendenza per mantenere le caratteristiche storiche dell’attraversamento sul torrente.

Si prevedono, durante l’esecuzione dei lavori, rallentamenti alla viabilità cittadina all’ingresso della città di Cuneo da Borgo San Giuseppe (Borgo Gesso) a causa del restringimento della carreggiata ad una sola corsia centrale.

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium