/ Politica

Politica | 21 luglio 2021, 07:40

Elezioni amministrative, slitta ancora il decreto

Tre le ipotesi sul tappeto: 26 settembre, 3 o 10 ottobre. Il Pd preme per fine settembre, mentre la Lega spinge per metà ottobre. L’ultima parola spetta al Viminale. Una trentina i Comuni del Cuneese interessati. Si vota anche a Savona

Elezioni amministrative, slitta ancora il decreto

Da giorni viene annunciato come imminente il decreto del Ministero dell’Interno che fissi la data delle elezioni amministrative che in autunno interesserà 1304 comuni italiani, tra cui alcune grandi città, quali Roma, Torino, Milano, Napoli e Bologna.

La scelta potrebbe cadere sull'ultima domenica di settembre, il 26, o in alternativa sulla prima di ottobre, il 3 oppure sulla seconda, il 10. La maggioranza però è divisa: il Pd spinge per anticipare le elezioni per evitare che una riacutizzazione del Covid possa mettere a rischio la consultazione, mentre il leader della Lega, Matteo Salvini, punta sul 10 ottobre.

L'ultima parola spetta al ministro dell'Interno Luciana Lamorgese che dovrà portare quanto prima la proposta in Consiglio dei Ministri.

Il tempo, infatti, stringe e la decisione non potrà andare oltre la fine del mese. Dopo l’incontro col premier Mario Draghi, Salvini è stato perentorio: "Fare le elezioni a fine settembre – ha sostenuto - vuol dire che le liste devono essere approntate a Ferragosto. Non scherziamo – ha detto in termini perentori – si  vota il 10 ottobre!".

Dal centrosinistra obiettano che bisogna fare i conti con i ballottaggi che – in quest’ipotesi – slitterebbero a fine ottobre. Troppo tardi e rischioso secondo molti. Ad orientare le scelte del Viminale potrebbe esserci il parere del Comitato tecnico scientifico. Un parere ovviamente non nel merito, ma che potrebbe comunque rappresentare al Ministero dell’Interno un quadro dei contagi nei prossimi mesi e aiutare ad assumere la decisione. Sono 151 i Comuni piemontesi chiamati alle urne, tra cui due capoluoghi di provincia, Torino e Novara.

Nel Cuneese andranno alle urne per eleggere i nuovi sindaci e rinnovare i rispettivi Consigli comunali: Dronero, Cavallermaggiore, Caramagna Piemonte, Roccaforte Mondovì, Sampeyre (oltre i 1000 abitanti) e poi Barbaresco, Casalgrasso, Casteldelfino, Crissolo, Entracque, Frassino, Grinzane Cavour, Lequio Tanaro, Martiniana Po, Melle, Monesiglio, Montaldo Roero, Nucetto, Oncino, Pezzolo Valle Uzzone, Pontechianale, Prazzo, Prunetto, Roddi, Valdieri e Vinadio.

Nella vicina Liguria si vota anche a Savona e in 52 Comuni della regione (14 in provincia di Savona).

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium