/ Cronaca

Cronaca | 19 luglio 2021, 12:52

"Ciao Luca, anima bella": cordoglio a Saluzzo per l’escursionista deceduto sul Pelvo d’Elva

Luca Panero è precipitato ieri durante la discesa dal monte. Lavorava come idraulico nella ditta di famiglia. Classe 1972, era un grande appassionato di montagna. Non ancora nota la data del funerale, in attesa del nullaosta dal magistrato

Luca Panero, 48 anni

Luca Panero, 48 anni

Sgomenti per la tragedia, gli amici e chi lo conosceva lasciano messaggi e testimonianze di affetto sui social. Luca Panero, saluzzese, 48 anni ha perso la vita ieri pomeriggio (domenica 18 luglio) in un volo fatale, durante la discesa dal Pelvo d’Elva, 3.064 metri, a cavallo tra le valli Varaita e Maira.

Si trovava in uno dei sentieri più esposti, poco sotto la cima, quando è probabilmente scivolato sulle pietre.

A chiamare i soccorsi è stata la compagna Denise Chiaramello, che era al suo fianco anche in questa escursione e che ha condiviso con lui, in questi anni, la passione per la montagna. La sua passione più grande.

Sul luogo dell’incidente sono giunti gli uomini del Soccorso Alpino e l’équipe del 118 con l’elicottero, ma per Luca Panero, purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Classe ’72, lavorava come idraulico nella ditta di famiglia, la "Panero Fratelli" di via Cima, specializzata in impianti per edifici a basso consumo energetico.

La sua "anima bella", come ricordano in molti insieme al sorriso e alla simpatia, era anche un’anima convintamente green.

Non ancora nota la data del funerale, in attesa del nullaosta del magistrato.

La salma, ieri trasferita a Casteldelfino, è ora nella camera mortuaria dell’ospedale di Saluzzo.

Vilma Brignone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium