/ Curiosità

Curiosità | 14 giugno 2021, 09:15

Dogliani, progetto "Pietre volanti": domenica 20 giugno s'inaugura l'opera di Caterina Silva

Appuntamento alla cappella del Ritiro della Sacra Famiglia

Caterina Silva

Caterina Silva

Aprire i luoghi storici del territorio doglianese – in questo caso all’arte contemporanea - è un primo passo per valorizzare, attraverso una proposta culturale inconsueta, la bellezza del nostro patrimonio architettonico e paesaggistico.

Immaginate di mutare la destinazione di un luogo e di pensare ad una nuova disposizione spaziale della fruizione di un manufatto d’arte.
E’ quanto succederà – su iniziativa del Comune di Dogliani e con la direzione artistica della galleria Lunetta 11 - dal 20 giugno al 25 luglio alla Cappella del Ritiro della Sacra Famiglia.

Questo piccolo scrigno in stile neogotico è opera del visionario progettista ottocentesco Giovanni Battista Schellino che ha connotato la Dogliani che oggi conosciamo con una fitta trama di opere eclettiche nei modi e nelle forme: un edificio che completa lo splendido colpo d’occhio che si gode dal Belvedere del borgo Castello.

A riabitare questo pregiato “contenitore” illuminato da vetrate policrome, è una sorprendente opera di Caterina Silva: una tela dipinta lunga 10 metri dedicata al pittore albese Pinot Gallizio e appositamente realizzata per spazio della Cappella schelliniana. “Antiluna, dietro” è una creazione che l’artista romana ha concepito come praticabile, democratica, accessibile, quasi ludica e pronta per essere immaginata e fruita in modi sempre diversi.

Nei prossimi giorni il centro storico Dogliani sarà disseminato di tracce con logo giallo di Lunetta 11 del progetto “Chi illumina la grande notte” e che indicheranno il percorso per raggiungere la Cappella del Ritiro.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium