/ Attualità

Attualità | 28 maggio 2021, 14:58

"Una vita spesa per il paese": Grinzane Cavour dà l’ultimo saluto a Renzo Marengo

Domani i funerali dell’ex dirigente Miroglio, a lungo consigliere comunale e presidente del circolo Acli. Il ricordo di Luigi Cabutto e dell’amico Roberto Ponzio: "Persona dalla non comune umanità e cultura"

Renzo Marengo, 74 anni

Renzo Marengo, 74 anni

"Un protagonista della vita di Grinzane e una persona che rimarrà nel cuore di tanti". Così il professor Luigi Cabutto, sindaco del centro langarolo dal 1996 al 2006, ricorda la figura di Renzo Marengo, per lunghi anni consigliere comunale, spentosi ieri mattina nella sua abitazione del Gallo dopo aver affrontato una lunga malattia.

Marengo aveva 74 anni. Era in pensione dopo avere concluso la propria carriera lavorativa come apprezzato dirigente nel Gruppo Miroglio, impiego cui era approdato dopo la licenza liceale al "Govone" di Alba e una laurea in Ingegneria Aeronautica al Politecnico di Torino.

Ma all’impegno lavorativo e alla cura della famiglia aveva sempre affiancato quella che ancora Cabutto definisce come "una grande passione civile, che si accompagnava al profilo di persona dalla profonda umanità e cultura, la cui opera ha lasciato un segno nella vita del paese, cambiandone anche il volto".

L’ex primo cittadino ne ricorda i diversi mandati in municipio, dove Marengo si era impegnato sin dai primi Anni Settanta e per oltre un quarto di secolo: "Una figura di amministratore locale di altri tempi, che credeva nelle cose, passionale, che si spendeva per la comunità senza mai ricercare interessi di sorta. Insieme abbiamo attraversato le stagioni più felici della storia recente del nostro comune, lavorando a quelli che ne sarebbero stati i successi turistici. Appassionato di arte, si era anche dedicato al recupero delle nostre chiese, per poi guidare il circolo Acli del Gallo, anche lì mettendo in campo tante iniziative".

Non meno sentito il ricordo dell’amico tracciato dall’avvocato albese Roberto Ponzio, che, dopo esserne stato compagno di studi, ne rimpiange la figura di uomo profondamente colto, abile traduttore e profondo conoscitore della letteratura latina, che negli ultimi anni della sua esistenza era tornato con passione ad approfondire lo studio della Divina Commedia, insieme a quello del tedesco.
"Col mio amico Renzo – dice Roberto Ponzio – se ne va anche una parte della mia vita, di cui conservo molteplici ricordi, pensieri, rimpianti e nostalgia. Un’intensa amicizia, la nostra, nata sui banchi del Govone. Era una persona di solida cultura umanistica, nonché di vivace e prorompente intelligenza. Ha sopportato con dignità la malattia, non perdendo l’ironia sottile, lo spirito brillante, l’analisi lucida e il senso dell’umorismo che lo caratterizzavano".

Renzo Marengo lascia la moglie Carla Asteggiano, il figlio Edoardo – diacono nella parrocchia di Grinzane – con la nuora Serena e il nipotino Gioele, il fratello Luigi con Silvana, la cognata Luisella con Gianni e Gianluca, il nipote Enzo con Mirella ed Elisa.

I funerali avranno luogo domani, sabato 29 maggio, alle 11 nella parrocchiale di Santa Maria Vergine Immacolata a Gallo Grinzane, dove questa sera, venerdì 28, alle 20.45 verrà recitato un rosario di preghiera.

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium