/ Politica

Politica | 15 maggio 2021, 11:43

Cuneo, Bergesio (Lega): “Unità di intenti per battere il malgoverno del centrosinistra”

Il senatore e segretario provinciale non si sbilancia sull’ipotesi che il candidato sindaco del centrodestra possa essere espresso da Fratelli d’Italia, ma non avanza rivendicazioni. “Non è questione di nomi o appartenenza partitica, ma – spiega - di competenza, capacità e dedizione”

Cuneo, Bergesio (Lega): “Unità di intenti per battere il malgoverno del centrosinistra”

Alle amministrative di Cuneo del 2017 la Lega, nel contesto di un risultato deludente per il centrodestra, era stato il partito che aveva conseguito la percentuale di consensi più alta: 6,34%. Tuttavia, il partito di Salvini nella città capoluogo di una provincia in cui la Lega ha raggiunto nel 2019 – alle europee e alle regionali - percentuali bulgare non riesce a pesare.
Anche in vista della prossima tornata elettorale la Lega non rivendica primogeniture e sembra intenzionata ad accettare, ancora una volta, il ruolo di comprimario nella coalizione.
Ne abbiamo parlato con Giorgio Maria Bergesio, senatore e segretario-commissario della federazione provinciale.
    
Senatore Bergesio, Fratelli d’Italia si è già fatta avanti proponendo Paolo Bongioanni come candidato sindaco per Cuneo. La Lega è d’accordo?

“Parlare di candidature ancor prima che di programmi lo ritengo anacronistico, ancor più in questo momento in cui la giunta comunale di Cuneo sta ragionando di “poltrone” future e non tanto di programmazione”.


A quale tipo di programmazione si riferisce?

“La crisi in corso sta continuando a gravare pesantemente sulla vita di tutti i cuneesi. Credo quindi, anche a fronte delle opportunità che arriveranno dai provvedimenti Governativi e dal Next Generation EU, che la politica locale si debba fare promotrice innanzitutto di progetti che possano rappresentare un volano prospettico per tutto il sistema economico cuneese, fornendo risposte concrete ai cittadini e alle loro esigenze”.

Facile a dirsi…Torniamo a noi, senatore. Fuori da ogni retorica, è sicura l’alleanza di centrodestra? Alla Lega sta bene cedere, ancora una volta,  il passo a Fratelli d’Italia?

“Il centrodestra rappresenta sicuramente il contesto all’interno del quale come Lega ci muoveremo, cercando di porre l’attenzione, come detto, sui programmi. Non dimentichiamo inoltre le numerose vicissitudini che la città di Cuneo sta vivendo in tema di sicurezza e tutela dell’ordine pubblico, a fronte di una totale assenza al riguardo da parte dell’amministrazione comunale. Sono tematiche queste sulle quali, proprio come Lega e come centrodestra,  stiamo ponendo l’attenzione a tutti i livelli”.

Ma la Lega, quale partito di maggioranza relativa nel centrodestra cuneese, su cosa intende, in particolare, porre l’accento in vista dell’appuntamento amministrativo del prossimo anno?

“Come Lega continueremo a concentrarci nei prossimi mesi sulle reali esigenze dei cittadini di Cuneo, favorendo, al contempo, un confronto costante con le altre forze di centrodestra e dialogando con tutti coloro che aderiscono al progetto. Il fine è quello di trovare una convergenza di intenti per porre termine all’attuale malgoverno cittadino del centrosinistra”.

Ritiene Bongioanni la persona giusta per questo ruolo?

“Non ne farei questione di nomi o di appartenenza partitica, ma di competenza, capacità e dedizione. Dobbiamo riuscire a dar vita ad una squadra forte e coesa che sappia rappresentare il volto e il cuore di una città che deve ripartire”.

Bergesio, questo è ciò che dicono tutti alla vigilia di ogni appuntamento elettorale. Ci dica qualcosa di più…leghista…

“Credo che la condivisione e l’unità di intenti debba avvenire sul programma per dare una svolta, rispetto al passato, per il bene dei cittadini della città capoluogo della nostra provincia”.

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium