/ Attualità

Attualità | 07 maggio 2021, 19:39

L’annuncio di Icardi: "A giugno il Piemonte riceverà 2 milioni di vaccini" [VIDEO]

L’assessore ospite alla presentazione di Alba Capitale della Cultura d’Impresa: "Nella nostra regione 800 aziende pronte a sostenere la nostra campagna con propri hub. Insieme vinceremo questa battaglia"

L'intervento dell'assessore regionale Icardi ad Alba Capitale della Cultura d'Impresa

L'intervento dell'assessore regionale Icardi ad Alba Capitale della Cultura d'Impresa

Buone notizie anche sul fronte della campagna di vaccinazioni che dovrà consentire la ripresa economica, dalla presentazione del calendario di eventi di "Alba Capitale della Cultura d’Impresa 2021", in corso in questi minuti. A portarla al pubblico di imprenditori e autorità raccolte nella struttura che Confindustria Cuneo ha allestito in piazza San Paolo ad Alba è stato poco fa l’assessore regionale alla Sanità Luigi Genesio Icardi.

"Oggi – ha spiegato l'esponente della Giunta Cirio – somministriamo 30-35mila vaccini al giorno, ma non basta. Abbiamo le potenzialità per raddoppiarli, se solo avessimo le dosi. La bella notizia, che il sottosegretario alla Sanità Andrea Costa ci ha dato oggi (durante la presentazione del centro vaccinale allestito presso la Nuvola Lavazza di Torino, ndr), è che nel mese di giugno l’Italia riceverà 25 milioni di vaccini. Calcolando che l’8% andrà al Piemonte i conti sono presto fatti, potremmo raggiungere una potenza di fuoco molto più elevata (…)".

L’assessore regionale alla Sanità ha quindi ricordato che "ci sono ben 800 imprese, in Piemonte, che hanno la disponibilità ad aprire propri hub, per vaccinare i loro dipendenti e i familiari (…). Per noi rappresentano un aiuto significativo, per rendere il nostro tessuto produttivo più stabile e sicuro".

"Appena il generale Figliuolo farà partire le imprese, daremo le dosi a tutti gli hub vaccinali che stiamo autorizzando",
ha proseguito Icardi ringraziando per la loro disponibilità gli imprenditori della Granda. "Questo vostro aiuto garantisce i vostri dipendenti, ma garantisce anche noi, perché solo con la velocità noi riusciremo a interrompere il circolo perverso delle varianti che si stanno sviluppando rapidamente e che in futuro potrebbero anche essere resistenti alle stesse vaccinazioni. Più saremo rapidi con le somministrazioni, minore sarà la circolazione del virus e maggiore sarà l’effetto benefico della campagna vaccinale".

"Lo faremo grazie al vostro aiuto – ha concluso –, perché da sola la sanità pubblica sarebbe insufficiente, ma con l’aiuto delle imprese possiamo farcela, vinceremo insieme questa battaglia".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium