/ Curiosità

Curiosità | 02 maggio 2021, 13:53

Uova colorate per la “festa delle feste”: è la Pasqua ortodossa che si festeggia oggi, domenica 2 maggio

Celebrazioni e festa anche a Bra per la comunità della chiesa di Santa Caterina. Il messaggio di auguri di papa Francesco

Uova colorate per la “festa delle feste”: è la Pasqua ortodossa che si festeggia oggi, domenica 2 maggio

Uova colorate per la “festa delle feste”: è la Pasqua ortodossa che si festeggia oggi, domenica 2 maggio.

Celebrazioni e festa anche a Bra nella notte tra sabato 1 e domenica 2 maggio, con la comunità ortodossa braidese che si è data appuntamento nella chiesa di Santa Caterina di Alessandria d’Egitto, per la Messa presieduta da padre Vasile Doroftei.

Come da tradizione, sono stati presentati sull’altare cestini di cibi e uova. Per gli ortodossi, l’uovo è simbolo di rigenerazione e di purificazione. La leggenda narra che le uova portate nel cesto da una donna si siano colorate di rosso per il sangue versato da Gesù morente. Il saluto che i rumeni si scambiano dal primo giorno di Pasqua fino all’Ascensione è un’espressione di giubilo: “Hristos a înviat! (Cristo è risorto)” cui fa seguito “Adevărat că a înviat (È vero che è risorto)”.

Da ricordare il suggestivo rito della luce in cui tutti i presenti hanno fatto provvista di un cero che è stato poi acceso attingendo direttamente dalla fiamma sporta dal parroco. Un momento di grande spiritualità, quello della Pasqua ortodossa, ma anche un momento di grande coesione per i rumeni che vivono e lavorano in provincia e che costituiscono una delle comunità più operose e inserite nel tessuto sociale braidese.

Alla festa si è unito anche papa Francesco con un messaggio al termine della preghiera del Regina Coeli: “Auguri ai nostri fratelli e sorelle delle chiese ortodosse e delle chiese cattoliche orientali e latine che oggi, secondo il calendario giuliano celebrano la solennità della Pasqua. Il Signore risorto li ricolmi di luce e di pace e conforti le comunità che vivono in situazioni particolarmente difficili. Buona Pasqua!”.

La Pasqua ortodossa non si festeggia quasi mai nello stesso giorno di quella cattolica. La spiegazione è legata ai diversi calendari che sono riconosciuti dagli stati e dalle chiese. La Pasqua cattolica viene calcolata secondo il calendario gregoriano, mentre quella ortodossa tiene conto del calendario giuliano, entrato in vigore nel 46 a.C. grazie a Giulio Cesare.

Inoltre, il calcolo delle date per la Pasqua tengono in considerazione le fasi della luna: luna piena dopo l’equinozio primaverile, per i cattolici e luna nuova per gli ortodossi. In questo senso, la prossima Pasqua sarà celebrata il 17 aprile 2022 dai cattolici ed una settimana dopo dagli ortodossi.

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium