/ Eventi

Eventi | 15 marzo 2021, 19:42

A 25 anni dalla morte Neive si prepara a celebrare Dante Giacosa, il papà di 500 e Topolino

Oltre al raduno della Fiat più celebre al mondo, mostre fotografiche e opere uniche per rendere omaggio al celebre ingegnere e designer

Dante Giacosa (Foto da 500clubitalia.it)

Dante Giacosa (Foto da 500clubitalia.it)

Il 2021 è l’anno in cui cade il venticinquesimo anniversario dalla morte di Dante Giacosa e per l’occasione il comune di Neive, paese d’origine del noto ingegnere e designer della Fiat, arricchisce il tradizionale raduno delle 500 con un programma di eventi e mostre.

Nel mese di maggio, dunque, il Comune che diede i natali a Giacosa (Roma, 3 gennaio 1905 – Torino, 31 marzo 1996) e che ogni anno lo celebra si tingerà dei colori delle sue famose creazioni.

Il memorial sarà articolato tra Borgonuovo e Capoluogo, il centro storico, dove alcuni cortili privati accoglieranno auto d’epoca disegnate dal designer e saranno accessibili in un’esposizione a cielo aperto in quello che è entrato nella classifica dei borghi più belli d’Italia, premiato dall’omonima associazione.

All’interno della torre medievale, invece, sarà allestita una mostra fotografica con i documenti conservati nell’archivio di Fca Heritage in collaborazione con il Museo dell’Automobile di Torino.

Confermata, inoltre, la conferenza stampa con la presenza di Giorgetto Giugiaro, chiamato a lavorare in Fiat a soli 17 anni proprio da Dante Giacosa, che ne aveva colto le potenzialità.
Anche noi siamo affascinati da questo ingegnere geniale che ha rivoluzionato i canoni dell’ingegneria”, afferma la sindaca di Neive Annalisa Ghella, annunciando l’idea di costruire un monumento alla memoria dell’estroso designer, progetto a cui la stessa Fiat Fca, che ogni anno visita il paese per collocare una corona di fiori sulla tomba di Giacosa, ha risposto con entusiasmo.

Obiettivo della manifestazione, interviene il vicesindaco Francesco Bordino, è quello di “ridare importanza alle persone di Neive che hanno fatto la storia, come Levi, Franco Piccinelli o il maestro Rocca, di cui l’istituto musicale di Alba porta il nome.

Da un anno a questa parte ogni manifestazione culturale deve adeguarsi all’emergenza sanitaria in corso, motivo per cui gli eventi organizzati potrebbero essere soggetti a modifiche o spostamenti di data, che al momento è fissata per l’8 e il 9 maggio 2021.

Maria Pane

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium