/ Attualità

Attualità | 27 febbraio 2021, 07:40

La Langa del Barolo investe in sicurezza: in arrivo una rete da 130 telecamere

Progetto da 490mila euro per dotare di dispositivi "leggi targhe" e "di contesto" i centri di Novello, Barolo, Castiglione Falletto, Grinzane, Monchiero, Monforte, Roddi, Roddino e Sinio

Una veduta di Monforte d'Alba, sede dell'Unione Colline di Langa e del Barolo

Una veduta di Monforte d'Alba, sede dell'Unione Colline di Langa e del Barolo

Non c’è solo Alba tra i Comuni che puntano a incrementare sicurezza e capacità di controllo sul territorio attraverso una rete di telecamere collegate alle centrale operative di Polizia Locale e Carabinieri. Un progetto per molti versi simile a quanto in corso di realizzazione ai piedi delle cento torri è quello che entro alcuni mesi dovrebbe poter vedere i nove centri facenti parte dell’Unione di Comuni "Colline di Langa e del Barolo" dotarsi di 126 occhi elettronici, utili a controllare gli accessi e i punti sensibili dei diversi paesi.

Allo studio da tempo da parte dell’ente guidato dal sindaco di Novello Roberto Passone, il progetto è prossimo all’affidamento. Ben 10 le aziende (a fronte di 42 che da diverse parti d’Italia avevano avanzato una prima manifestazione d’interesse) che entro il termine dello scorso dicembre hanno avanzato offerte in risposta al bando di gara da 363mila euro pubblicato dall’Unione per la realizzazione, manutenzione e gestione di un’infrastruttura il cui costo complessivo – aggiunta Iva e altri oneri – è stato stimato in 490mila euro, 15mila dei quali coperti da un contributo della Fondazione Crc e per il resto interamente finanziato dalle amministrazioni coinvolte: oltre a Novello, Barolo, Castiglione Falletto, Grinzane Cavour, Monchiero, Monforte, Roddi, Roddino e Sinio.

Un investimento che consentirà di installare una media di una quindicina di dispositivi per comune, tra quelli della tipologia "leggi targhe" (capaci quindi di rilevare in modo automatico il passaggio di veicoli che presentino anomalie quali, tra le altre, la mancata assicurazione o revisione), da sistemare agli ingressi dei paesi, e quelli "di contesto", che andranno invece in zone sensibili individuate dalle singole amministrazioni, quali ad esempio, gli spazi per la raccolta rifiuti.
Punti di osservazione e registrazione collegati e consultabili dal Comando della Polizia Locale dell’Unione, a Grinzane Cavour – dove il comandante Flavio Iannitello guida una squadra ad oggi composta da quattro agenti, ma che gli stessi Comuni puntano presto a rinforzare –, ma anche dai Comandi Carabinieri di Alba (da cui dipendono Grinzane e Roddi) e di Bra (competente per tutti gli altri centri).

A giorni come detto si dovrebbe arrivare al definitivo all’affidamento dell'appalto, dopodiché l’azienda vincitrice dovrà provvedere alla posa e la messa in funzione degli impianti entro 180 giorni dalla stipula del contratto

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium