/ Attualità

Attualità | 26 febbraio 2021, 20:08

Il Piemonte torna in zona arancione, Cirio: "Ci viene chiesto un nuovo sacrificio. Che i ristori siano immediati"

I dati del report settimanale validato dal CTS e dal Ministero della Salute, e comunicati dal Ministro Speranza, non lasciano spazio a dubbi: "L’Rt è cresciuto e si attesta sopra l’1 e la pressione ospedaliera sta aumentando"

Foto generica

Foto generica

"Ci viene chiesto purtroppo un nuovo sforzo e so che è un sacrificio grande. Al nuovo Governo abbiamo sollecitato che i ristori per le attività costrette a fermarsi siano immediati. È fondamentale": così il presidente della Regione Alberto Cirio ha dato la notizia, nella serata di oggi (venerdì 26 febbraio), della retrocessione del Piemonte alla zona arancione a partire da lunedì 1° marzo.

I dati del report settimanale validato dal CTS e dal Ministero della Salute, e comunicati dal Ministro Speranza, non lasciano spazio a dubbi: "L’Rt è cresciuto e si attesta sopra l’1 e la pressione ospedaliera sta aumentando".

- LA ZONA ARANCIONE

Si torna, insomma, a chiusure e limitazioni più importanti.

Varrà il divieto di uscire dal proprio Comune di residenza se non per ragioni di lavoro, emergenza o salute (in questo caso con autocertificazione); i residenti di Comuni con meno di 5.000 abitanti potranno spostarsi entro 30 km dalla propria abitazione, ma non verso un capoluogo. Le visite ad amici e parenti saranno quindi consentite all'interno del proprio comune, dalle 5 alle 22: due adulti più due minori di 14 anni, una sola volta al giorno.

Le seconde case, anche fuori regione, saranno raggiungibili ma solo se si può verificarne la proprietà o il diritto d'utilizzo.

Bar e ristoranti saranno aperti solo per l'asporto rispettivamente fino alle 18 e fino alle 22; inoltre, non ci si potrà sedere ai tavoli. La consegna a domicilio sarà consentita. I negozi restano aperti, e anche centri estetici e parrucchieri.

Tornano a chiudere i musei. L'attività sportiva e motoria si può realizzare nel proprio comune di residenza, o in uno significativamente vicino se il proprio non possiede un'attività disponibile.

Nessun cambiamento per le scuole.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium