/ Sanità

Sanità | 20 febbraio 2021, 11:00

In Piemonte al via le vaccinazioni del personale scolastico: “Adesione oltre il 50%, è un momento fondamentale” [VIDEO]

Il presidente Cirio: “Inizia la vera ripartenza, che passa dalla scuola in presenza. Domenica iniziamo a vaccinare gli anziani, con adesione ben oltre il 60% degli aventi diritto”

In Piemonte al via le vaccinazioni del personale scolastico: “Adesione oltre il 50%, è un momento fondamentale” [VIDEO]

E’ iniziata ieri pomeriggio dall’ospedale San Giovanni Bosco di Torino la campagna vaccinale del personale scolastico piemontese. Somministrate alla presenza del presidente della Regione Alberto Cirio le prime dosi del vaccino AstraZeneca: “Oggi partiamo dalle scuole, con una pre-adesione che supera il 50% degli aventi diritto”. 

 Alle prime inoculazioni hanno assistito anche il prefetto di Torino Claudio Palomba e la vice sindaca, Sonia Schellino: “E’ un momento importante, fondamentale per il mondo della scuola. Per i nostri ragazzi”, ha commentato un entusiasta Cirio. “Oggi - ha proseguito il governatore - partiamo con la campagna vaccinale sul mondo del personale scolastico, elemento fondamentale per la vera ripartenza. La ripartenza passa dalla scuola in presenza, i ragazzi hanno dovuto subire il sacrificio della Dad”. 

Il presidente della Regione Piemonte ha lodato il sistema sanitario piemontese per capacità di organizzazione e di somministrazione dei vaccini: “l nostro sistema si sta dimostrando efficiente, siamo stati la prima regione a stipulare un accordo con i medici: abbiamo un esercito del vaccino”. “Se le munizioni arrivano in modo costante - ha ricordato Cirio - questa forza è in grado di dare performance significative. Se vedete i dati del Ministero, viene attestato che la Regione Piemonte è una regione efficiente per capacità di vaccinare”.

 

Se quella del 19 febbraio rimane una data da cerchiare in rosso sul calendario per il mondo scolastico, lo stesso si può dire per quella di domenica in cui inizieranno le vaccinazioni degli anziani: “Per gli over 80 utilizzeremo un vaccino diverso: con gli insegnanti, per ragioni anagrafiche, usiamo il vaccino AstraZeneca, mentre per gli over 80 useremo il Moderna”, ha spiegato Cirio. 

Consapevole che da una campagna vaccinale massiccia dipenderanno le tempistiche per un ritorno alla normalità, il presidente ha poi ringraziato i medici di base, fondamentali perché il sistema possa portare avanti la campagna: “Abbiamo un’adesione oltre al 60% sugli over 80: il sistema dei medici di medicina generale funziona, non abbiamo avuto problemi di sovraccarico nei sistemi di prenotazione grazie ai medici di base che ringrazio. Hanno accompagnato gli anziani in questo percorso”.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium