/ Solidarietà

Solidarietà | 17 febbraio 2021, 19:03

Più di 40 mila euro a sostegno della famiglia di Maurizio, lo skialper morto nella valanga ad Acceglio

Orlandin era il vicepresidente del Cai di Omegna. Il 30 dicembre era rimasto sepolto da un distacco a quota 2800 metri, lungo la dorsale che unisce il monte Sautron e la Rocca Praboccia

Maurizio Orlandin

Maurizio Orlandin

Più di 40mila euro. È l'incredibile cifra che è stata raccolta dagli amici di Maurizio Orlandin, lo sci alpinista che ha recentemente perso la vita sotto una valanga in val Maira. Orlandin era il vicepresidente del Cai di Omegna. Il 30 dicembre era rimasto sepolto da un distacco a quota 2800 metri, lungo la dorsale che unisce il monte Sautron e la Rocca Praboccia, ad Acceglio.

Dopo essere stato soccorso dall’equipe dell'elisoccorso 118 e del Soccorso alpino ed essere elitrasportato alle Molinette di Torin, sin da subito le condizioni avevano fatto temere il peggio. 

Il 46enne si era spento dopo un giorno di ricovero nel reparto di rianimazione alle Molinette di Torino, sottoposto a ossigenazione extracorporea a membrana (Ecmo).

La compagna Maria, i figli Alice, Viola e Mirco, hanno sentito la vicinanza di una intera comunità.

Una vicinanza non di circostanza, ma vera e concreta, tangibile e commovente. Quasi 36mila gli euro raccolti e donati dall'Associazione Kenzio Bellotti, circa 2.000 dall'Omegna Pallavolo e 1.000 dall'Omegna Calcio. Cifra cui aggiungere anche il contributo raccolto dal Comune e dalle associazioni di Armeno.

E così, di fronte ad un simile affetto, Maria, la compagna di Maurizio, ha voluto esternare pubblicamente i suoi sentimenti. "La manifestazione di solidarietà e di affetto che ci sta arrivando è proprio come una carezza per me. Io non avrei mai pensato ad un tale sostegno da parte di tante persone, un sostegno espresso con grande generosità.

Ringrazio tutti di cuore per l'aiuto e la partecipazione: un gesto umano bellissimo ed un atto concreto ed enorme per il futuro dei nostri figli.

Ai miei concittadini, a parenti, amici o solo conoscenti e a chiunque ha visto in questo un'azione buona da poter fare, e l'ha fatta, pensando a noi, a tutti dico grazie.

Alla Akb, a Franco, Luca e Michela che da subito hanno pensato di muoversi in una direzione così precisa in questa situazione troppo delicata, dove per me era impossibile arrivare, va il mio grazie immenso".

Daniele Piovera (www.vconews.it)

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium