/ Cronaca

Cronaca | 17 febbraio 2021, 19:15

La predazione del lupo nel cortile di casa: succede a Paesana, pieno centro paese (FOTO)

La zona è quella a lato di via Crissolo. Qui, domenica mattina è stata scoperta la predazione proprio a ridosso delle case. Stamane, invece, la carcassa di un ungulato (sbranato) è stata trovata nel cortile di una delle case di borgata Giordani, poco distante

Le predazioni nel cortile di una casa ai Giordani e sul retro di alcune case e condomini di via Crissolo

Le predazioni nel cortile di una casa ai Giordani e sul retro di alcune case e condomini di via Crissolo

Si torna a parlare del lupo, a Paesana.

L’argomento è tornato ad essere di forte attualità dopo gli episodi registrati domenica e stamane (mercoledì). La zona è sempre la stessa: il versante che costeggia via Crissolo: un’area in pieno centro paese.

La stessa dove, a marzo 2018, un lupo – come avevamo avuto modo di dare notizia – era stato ripreso a consumare uno “spuntino” a pochi passi dalle case, servendosi della carcassa di un animale precedentemente predato e “nascosto” nella neve.

Qui, domenica mattina, proprio sul confine con alcuni cortili privati, è stata predata un cervo. Al risveglio degli abitanti in zona hanno notato, complice il sottile strato di neve presente sul pendio, un’evidente chiazza rosso sangue, che riconduceva alla carcassa della bestia, di cui restavano ancora dei resti.

L’episodio di stamattina, invece, è stato registrato a poche decine di metri di distanza: un’altra carcassa di ungulato predata e sbranata all’interno del cortile di una casa privata, in borgata Giordani. Si tratta di uno degli agglomerati di case più popolato del paese (qui vivono residenti stabili durante tutto il corso dell’anno), se escludiamo le frazioni Ghisola e Calcinere.

E proprio all’interno della recinzione che delimita la proprietà privata di una delle case si è verificata la predazione, opera del lupo.

Un problema, quello delle presenze sempre più a bassa quota e sempre più vicino alle case, che documentiamo da tempo. Soltanto a gennaio vi abbiamo raccontato delle predazioni sul confine tra Paesana e Sanfront, lungo il Croesio. A farne le spese, in questi casi, erano stati alcuni cani tenuti all’interno di abitazioni private.

Un’eventualità che si sta registrando anche a Paesana, dove le prime segnalazioni giungono dalla borgata Belloni.

Nicolò Bertola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium