/ Attualità

Attualità | 22 gennaio 2021, 14:23

Lutto nel monregalese per la scomparsa di Giovanni Sordo, Cavaliere al Merito della Repubblica

Nato a Bastia Mondovì nel 1927, "Nanni" era stato insignito della Croce di Cavaliere OMRI da Mattarella nel 2017

Lutto nel monregalese per la scomparsa di Giovanni Sordo, Cavaliere al Merito della Repubblica

Cordoglio nel monregalese per la scomparsa di Giovanni Sordo che si è pento all'età di 94 anni, lo scorso 19 gennaio. Nato a Bastia Mondovì, era stato insignito della Croce di Cavaliere OMRI dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella nel 2017.

"Pensionato metalmeccanico, ha sempre lavorato sodo. All'età di 13 anni , quando frequentava l’Istituto Tecnico “Garelli”, dovette abbandonare gli studi per sostenere le esigenze famigliari, quale apprendista in una industria metalmeccanica, addetta alla produzione bellica per l'aeronautica militare" - a ricordarlo con queste parole è Romolo Garavagno, che con affetto ripercorre la sua vita - "Nel 1943 per le gravi situazioni delle fabbriche, con pericolo di bombardamenti, passò , in qualità di aiutante agricolo, in un a cascina di S.Anna Avagnina. Alla Liberazione entrò nella fonderia Bassani e Manfredi, fino alla chiusura nel 1956. Fu a fianco di sindacalisti quali Borgna, Panero, Manassero e Tomatis. Per proseguire nel lavoro si trasferì ad una fonderia di Torino, rientrando in città nelle Fonderie di Carassone, ove  le condizioni erano decisamente pesanti, per fumi e polveri, qui incorse in un grave incidente sul lavoro cioè la perdita totale dell’occhio destro".

Nel 1980 raggiunse finalmente la pensione e da allora si dedicò ancora di più al volontariato. 

"Con gli “Amici di Piazza” non mancò mai all’allestimento delle Mostre dell’Artigianato ed alle Grancastagnate, ma pure in mille altre occasioni" - prosegue Garavagno - "La Parrocchia del Cuore Immacolato lo ebbe tuttofare nella edificazione della Chiesa (che tutt’ora dispone di un artistico Altare da lui donato) e delle opere oratoriali nonché specialmente nell’allestimento e cura del Campeggio di Saretto, per la onlus “col. G. Cordero Lanza di Montezemolo” eseguì vari impegni nel Giardino Salvo d’Acquisto, a Frabosa Sottana prestò l’opera ingegnosa nel restauro della Cappella di S. Lodovico a Riofreddo, con la PAM non si tirò mai indietro nella organizzazione di gare podistiche. Per il suo profondo impegno sociale, l'on. Chiara Gribaudo aveva sollecitato e ottenuto Presidente della Repubblica la nomina a Cavaliere OMRI, arrivata nel 2017".

AP

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium