/ Cronaca

Cronaca | 15 gennaio 2021, 08:30

"Incastrato" da una soffiata, coltivava marijuana sul davanzale di casa: assolto

Il 40enne era stato denunciato dai carabinieri a seguito di perquisizione domiciliare anche per detenzione ai fini di spaccio

"Incastrato" da una soffiata, coltivava marijuana sul davanzale di casa: assolto

È stato assolto per insussistenza dei fatti l'uomo che, nel 2018, è stato denunciato dai carabinieri di Borgo S. Dalmazzo per coltivazione di marjiuana e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Il 40enne, residente a Cuneo, si trovava a processo davanti al Tribunale di Cuneo.

Ad attivare il controllo degli inquirenti, una soffiata da parte di un cittadino che aveva notato la presenza di quattro piantine di marijuana, di circa 20 centimetri l’una, sul davanzale di casa dell’imputato.

Durante la perqusizione nella casa dell'uomo, le autoritá, oltre ad un bilancino, hanno rinvenuto e sequestrato alcuni piccoli frammenti di hashish, per un totale di quasi 5 grammi, e alcuni soldi in contanti, il cui modico valore, non ha destato sospetti.

“Le quattro piantine erano posizionate sul davanzale. L’uomo, che viveva insieme ad un’altra persona, è stato molto collaborativo. Abbiamo trovato circa 20-30 euro in contanti” queste le parole del luogotenente intervenuto.

Il giudice Mocci, ritendendo che le sostanze stupefacenti sequestrate fossero destinate esclusivamente all’uso personale, ha assolto l’uomo dai due capi di accusa per insussistenza dei fatti e ha disposto la trasmissione degli atti processuali al prefetto, oltre alla distruzione di quanto sequestrato.  

CharB.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium