/ Attualità

Attualità | 13 gennaio 2021, 13:24

Musei riaperti dal 16 gennaio, “stop” ancora a cinema, teatri e concerti

L’annuncio del Ministro della Salute Speranza alla Camera che ha presentato alcune delle misure previste nel nuovo Dpcm, tra queste anche il divieto di asporto per i bar dalle 18 e gli spostamenti tra regioni gialle

In foto il Castello di Racconigi, chiuso secondo le disposizioni del Dpcm del 3 dicembre 2020

In foto il Castello di Racconigi, chiuso secondo le disposizioni del Dpcm del 3 dicembre 2020

Presto via libera nelle regioni a zona gialla per la riapertura di musei e mostre. Un boccata di ossigeno dunque per il mondo della cultura dopo la chiusura di novembre in tutta Italia. 

Anche in Piemonte, dunque dal 16 gennaio potranno riaprire i musei, luoghi che ospitano esposizioni e mostre. 

L’annuncio è stato fatto questa mattina dal Ministro della Salute Roberto Speranza, durante la presentazione alla Camera di alcune delle misure che il Governo intende applicare nel Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio. 

A restare ancora chiusi saranno cinema, teatri, sale per i concerti che potranno riaprire solo nel momento in cui si rientrerà nella cosiddetta “zona bianca”. Questa nuova area potrà scattare solo con livelli epidemiologici molto bassi, incidenza sotto i 50 casi alla settimana ogni 100 mila abitanti, rt sotto uno e indice di rischio basso. 

Secondo quanto comunicato da Speranza, è intenzione del Governo confermare il divieto di spostamento tra regioni in zona gialla, limitrare l’asporto per i bar a partire dalle 18 e confermare il limite a ricevere massimo due persone non conviventi nella propria abitazione, oltre a stabilire l’ingresso immediato in zona arancione per le regioni a rischio alto secondo i 21 parametri del dm del 30 aprile. 

Nell’attesa del nuovo Dpcm, il Governo ha prorogato al 30 aprile lo stato di emergenza che scadeva al 31 gennaio. 

“Una lunga e difficile battaglia quella che stiamo conducendo da mesi contro un nemico invisibile, serve uno sforzo unitario - ha ribadito Speranza - i prossimi mesi saranno difficilissimi, dovremo convivere con il virus fino a quando la vaccinazione indicherà un positivo effetto epidemiologico”. 

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium