/ Eventi

Eventi | 26 dicembre 2020, 07:46

Fine settimana di Santo Stefano in zona rossa, ma qualcosa si può fare...

Le normative per la prevenzione della pandemia, in vigore anche sabato 26 e domenica 27 dicembre, limitano gli spostamenti, ma possiamo assistere a spettacoli e concerti da casa

Fine settimana di Santo Stefano in zona rossa, ma qualcosa si può fare...

Per la rassegna 'Un Teatro come Casa' il Teatro Toselli di Cuneo organizza alcuni spettacoli tra Natale e Capodanno in diretta streaming dal palco che terranno compagnia agli appassionati di musica e teatro anche nelle giornate festive di fine anno: nel pomeriggio di oggi, sabato 26 dicembre alle 18.30 la Compagnia Il Melarancio rinnova l’appuntamento per famiglie e bambini con “Il gioco della stella”. La rassegna si conclude lunedì 28 dicembre con spazio alla musica classica e al Quartetto d’Archi dell’orchestra Bartolomeo Bruni di Cuneo e giovedì 31 finale in allegria con il “Gran Varietà” proposto da Promocuneo e gli auguri per un felice 2021 in diretta online. Tutti gli spettacoli sono trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube “Un Teatro come Casa”, ma si possono poi rivedere in ogni momento a partire dal giorno successivo sul canale YouTube del Comune di Cuneo, nella playlist “Un Teatro come Casa” che contiene anche i “Christmas Sketch”, trasmessi ogni giorno alle 16.30 sulla pagina Facebook @teatrotosellicuneo.
Info: www.comune.cuneo.it/cultura/teatro/un-teatro-come-casa.html .

Prosegue “Adotta un artista”, il progetto ideato dai Polifonici del Marchesato per fornire una vetrina ai giovani artisti. Sulla pagina Facebook del festival Suoni dal Monviso e sul canale youtube dei Polifonici del Marchesato verrà trasmesso in diretta il primo concerto di questa mini stagione dedicata proprio ai giovani. Il tutto, in stretta sinergia con il conservatorio Ghedini di Cuneo. Oggi, sabato 26 dicembre, alle 17.30 il quartetto d’archi Tetrada Quartet regalerà un concerto in chiave natalizia, da una località saluzzese, ovvero la chiesa del Convento di Santa Maria della Stella. Non resta che connettersi dal proprio pc (o smarthphone) per godersi un momento di musica, in forma assolutamente gratuita, con un like che andrà a sostituire il tradizionale applauso.
Info: www.facebook.com/suonidalmonviso

Alba Music Festival festeggia il Natale e le festività con alcuni Concerti e sei incontri intitolati “Le parole della musica”, ritratti dedicati ai grandi compositori del passato attraverso i loro scritti, per mettere in luce alcuni tratti particolari e inconsueti della loro opera e della loro personalità. Per la giornata di Santo Stefano, sabato 26 dicembre alle 21.00 dalla Chiesa barocca di San Giuseppe, scrigno d’arte e di acustica, le musiche di Johann Sebastian Bach con Andrea Bacchetti al pianoforte si intrecceranno allo straordinario racconto natalizio “Cristallo di rocca” di Adalbert Stifter, attraverso la narrazione di Dino Bosco. Info: www.albamusicfestival.com e pagina Facebook.

A pochi giorni dalle Festività, l’associazione ‘La Funicolare’, grazie alla preziosa collaborazione con la Banda Musicale di Mondovì, informa che il tradizionale concerto di Natale quest’anno raggiunge le case dei monregalesi e dei cuneesi attraverso gli schermi televisivi ed i numerosi canali social. La visione del concerto di Natale della Banda musicale di Mondovì andrà in replica anche oggi, sabato 26 dicembre, su Telegranda alle 12, ma si può ascoltare in qualsiasi momento sulla pagina FB dell’associazione “La Funicolare”.
Info: www.facebook.com/LaFunicolareMondovi


La Corale Vox Armonica di Savigliano diretta dal Maestro Sergio Daniele ha pubblicato sui social l’esecuzione della canzone Jingle Bells, melodia che meglio incarna lo spirito del Natale. Si può ascoltare su: www.facebook.com/Coro-Polifonico-Vox-Armonica-Savigliano

Altra interessante iniziativa è quella del Museo San Sebastiano di Contrada Mondovì a Cuneo che presenta la lettura del libro “Le più belle storie dei Re Magi” di Stefania Lepera, illustrazioni di Giulia Rossi, edizioni Gribaudo. Sono previsti dieci appuntamenti da dieci sale del museo, per leggere insieme una storia e scoprire le opere d’arte del Museo. Sulla pagina dedicata del sito www.museodiocesanocuneo.it e sulla pagina Facebook dedicata (@MuseoDiocesanoSanSebastiano) saranno pubblicati i video nelle date di domenica 27 e giovedì 31 dicembre, domenica 3 e mercoledì 6 gennaio.

Ecco ancora alcuni dei presepi che potranno essere visitati, in questi giorni, soltanto dai parrocchiani prima e dopo la Santa Messa. A Peveragno, nella chiesa parrocchiale di Montefallonio, è visitabile, ogni domenica dopo la Messa delle 9.30, il presepe preparato dai volontari. L’ambientazione della natività è quella tipicamente alpina; è stato riprodotto fedelmente l’edificio religioso della frazione. A Busca quest’anno nella Chiesa Parrocchiale è stato realizzato un allestimento con le storiche statue in gesso alte da 20 a 30 centimetri, con le quali veniva rappresentata la Natività fino agli anni 80. Il presepe parte dal piano terra e sale fino alla grotta con circa 30 statue che fanno da contorno alla capanna. A Cavallermaggiore, nel santuario cittadino dedicato alla Beata Vergine delle Grazie, è stato allestito, alla destra dell’altare maggiore, il presepio detto del “santuario” con statue riconducibili ai vecchi mestieri, case e territori che richiamano alla Palestina d’un tempo.
A Monasterolo di Savigliano anche quest'anno è stato allestito il tradizionale presepe parrocchiale la cui origine risale a oltre cento anni fa. Il presepio mantiene sempre la sua bella prospettiva già ideata dai fondatori, ma nel tempo si è arricchito di luci, movimenti e acqua corrente.

Quest’anno non è stato possibile realizzare i presepi viventi, ma le Proloco si sono riorganizzate per mantenere viva la suggestiva magia della Natività. A Vottignasco, in sostituzione del Presepe vivente si può ascoltare sulle pagine su Facebook il mini concerto registrato dagli Zampognari di Vottignasco per il Natale 2020.
Info: www.facebook.com/Vottignasco.

A Dogliani i rappresentanti della Pro Loco Castello hanno organizzato lo storico Presepe vivente “a porte chiuse” ed è andato in scena nella serata di domenica 20 dicembre, nell’abituale e suggestiva sede del castello doglianese, illuminato solamente dalle luci delle torce e dei falò. I 16-17 mestieranti sono stati interpretati da altrettanti componenti della Proloco, e anche le parti di Maria, Giuseppe e Gesù Bambino sono state rappresentate da una famiglia.

Si può vedere sulle pagine Facebook della Pro Loco (www.facebook.com/proloco.castello) e Instagram (www.instagram.com/prolocodoglianicastello/).

A Roccavignale, nella Grotta dei Castagni, la suggestiva ambientazione scelta per il Presepe di quest’anno, ci sarà soltanto la Sacra Famiglia con il bambinello, impersonati da due famiglie del borgo e saranno ripresi dalle telecamere per la divulgazione video su internet e sui social. Le immagini verranno diffuse nei giorni precedenti il Natale, come segnale di speranza, con un arrivederci all’edizione 2021 con una rievocazione in presenza.
Info: www.facebook.com/PresepediRoccavignale




Bruna Aimar

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium