/ Eventi

Eventi | 25 dicembre 2020, 11:38

Natale e Santo Stefano tra tradizione e lockdown

Ecco come puoi trascorrere il 25 e il 26 dicembre: puoi visitare un presepe recandoti a messa, assistere ad uno spettacolo teatrale o ad un concerto in streaming

Natale e Santo Stefano tra tradizione e lockdown

Il Centre Prouvençal di Coumboscuro ha diffuso una poesia d’auguri di Buone Feste in tre lingue: provenzale, italiano e francese. Scritta da Coustan Réi, essa si configura come un inno alla stagione invernale, candida e accogliente, che possa preparare ad un ritorno alla vita di prima, con tanto di danze non solo nel cuore. Scopri il testo completo e la versione in italiano su: www.facebook.com/coumboscuro.centreprouvencal

Presepi visitabili nelle Parrocchie e presepi viventi a “porte chiuse”

A Cuneo si può visitare il Presepe di San Paolo, in via Fenoglio, 47 che quest’anno si presenta con un’installazione in versione ridotta, ma con molta cura del dettaglio.

Per chi non riesce a visitarlo di persona potrà ammirarlo alla pagina dedicata sul sito www.parrocchiasanpaolo.it e www.facebook.com/presepe.sanpaolo

Sempre a Cuneo, nella chiesa Cattedrale è esposto il presepio palermitano con scenografia curata da Salvatore Vento, maestro presepista di Cuneo. Le statuine sono opera di artisti di Monreale e di Palermo. L’allestimento presepiale rimarrà esposto in Cattedrale fino al 2 febbraio, festa della presentazione di Gesù Bambino al Tempio.

A Saluzzo, all’interno della chiesa di San Giovanni, lungo la navata laterale è possibile

ammirare uno dei pochi presepi artistici che sono stati realizzati quest’anno.

Uno scenario distinto in tre aree, la valle, con il Monviso a fare da sfondo, la pianura, con il mondo rurale, e la tradizione cristiana, con la grotta del bambino, il deserto e gli scenari orientali. Il presepe resterà visitabile fino al 31 gennaio, ogni giorno, dal mattino al tardo pomeriggio. L’ingresso è gratuito e le offerte raccolte saranno destinate alla chiesa di San Giovanni.

A Paesana fino a domenica 31 gennaio, tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 18 si può visitare il presepe nella chiesa della Confraternita di Santa Croce.
La scenografia è predisposta con materiali semplici e reperiti nei boschi circostanti (muschio, radici, primule e altro) messi insieme grazie alla fantasia e capacità di chi lo ha allestito.

A Sanfront il presepe meccanico è stato allestito nella navata laterale sinistra della chiesa parrocchiale di San Martino. Questo presepe ha un’origine piuttosto antica, risalente a metà degli anni Cinquanta del secolo scorso. Tra le prime novità meccaniche il mulino a vento e la fucina, realizzati col traforo, poi gli angeli che ruotano in cielo. Il presepe meccanico sarà visitabile fino alla metà di gennaio. L’accesso è subordinato alle normali regole anti Covid previste nelle chiese.

A Dogliani i rappresentanti della Pro Loco Castello hanno organizzato lo storico Presepe vivente “a porte chiuse” ed è andato in scena nella serata di domenica 20 dicembre, nell’abituale e suggestiva sede del castello doglianese, illuminato solamente dalle luci delle torce e dei falò. I 16-17 mestieranti sono stati interpretati da altrettanti componenti della Proloco, e anche le parti di Maria, Giuseppe e Gesù Bambino sono state rappresentate da una famiglia.

Si può vedere sulle pagine Facebook della Pro Loco (www.facebook.com/proloco.castello) e Instagram (www.instagram.com/prolocodoglianicastello/).

A Roccavignale, nella Grotta dei Castagni, la suggestiva ambientazione scelta per il Presepe di quest’anno, ci sarà soltanto la Sacra Famiglia con il bambinello, impersonati da due famiglie del borgo e saranno ripresi dalle telecamere per la divulgazione video su internet e sui social. Le immagini verranno diffuse nei giorni precedenti il Natale, come segnale di speranza, con un arrivederci all’edizione 2021 con una rievocazione in presenza.

Info: www.facebook.com/PresepediRoccavignale

Teatro e concerti

Per la rassegna 'Un Teatro come Casa' il Teatro Toselli di Cuneo organizza quattro spettacoli tra Natale e Capodanno in diretta streaming dal palco che terranno compagnia agli appassionati di musica e teatro anche nelle giornate festive di fine anno: questa sera, 25 dicembre, i lavoratori dello spettacolo saranno protagonisti della puntata speciale e ricca di ospiti “Stasera non viene nessuno”, mentre nel pomeriggio di sabato 26 la Compagnia Il Melarancio rinnova l’appuntamento per famiglie e bambini con “Il gioco della stella”. La rassegna si conclude lunedì 28 dicembre con spazio alla musica classica e al Quartetto d’Archi dell’orchestra Bartolomeo Bruni di Cuneo e giovedì 31 finale in allegria con il “Gran Varietà” proposto da Promocuneo e gli auguri per un felice 2021 in diretta online. Tutti gli spettacoli sono trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube “Un Teatro come Casa”, ma si possono rivedere in ogni momento a partire dal giorno successivo sul canale YouTube del Comune di Cuneo, nella playlist “Un Teatro come Casa”.

Info: www.comune.cuneo.it/cultura/teatro/un-teatro-come-casa.html.

Prosegue “Adotta un artista”, il progetto ideato dai Polifonici del Marchesato per fornire una vetrina ai giovani artisti, in questo delicato momento in cui teatri e sale da concerto sono chiusi. Sabato 26 dicembre, è in programma alle 17.30 il concerto in chiave natalizia con il quartetto d’archi Tetrada Quartet eseguito nella chiesa del Convento di Santa Maria della Stella. Non resta che connettersi dal proprio pc (o smarthphone) alle pagine sopradescritte, per godersi un momento di musica, in forma assolutamente gratuita, con un like che andrà a sostituire il tradizionale applauso.

Alba Music Festival festeggia il Natale e le festività con alcuni Concerti e sei incontri intitolati “Le parole della musica”, ritratti dedicati ai grandi compositori del passato attraverso i loro scritti, per mettere in luce alcuni tratti particolari e inconsueti della loro opera e della loro personalità.

Primo appuntamento per il giorno di Natale alle 21 quando l’imponente colonnato e gli affreschi di epoca tre-quattrocentesca della Chiesa di San Domenico ospiteranno il Concerto di Natale. Secondo appuntamento musicale per la giornata di Santo Stefano, sabato 26 dicembre alle 21: dalla Chiesa barocca di San Giuseppe, scrigno d’arte e di acustica, le musiche di Johann Sebastian Bach con Andrea Bacchetti al pianoforte si intrecceranno allo straordinario racconto natalizio “Cristallo di rocca” di Adalbert Stifter, attraverso la narrazione di Dino Bosco.

A Mondovì, a pochi giorni dalle Festività, l’associazione ‘La Funicolare’, grazie alla preziosa collaborazione con la Banda Musicale di Mondovì, informa che il tradizionale concerto di Natale raggiungerà le case dei monregalesi e dei cuneesi attraverso gli schermi televisivi ed i numerosi canali social.

La visione del concerto di Natale della Banda musicale di Mondovì andrà in onda in replica oggi, 25 dicembre, alle ore 17 ed il 26 dicembre alle ore 12. L’esibizione verrà inoltre condivisa sulle pagine facebook degli organizzatori ‘La Funicolare’ e della ‘Banda Musicale di Mondovì’.

Bruna Aimar

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium