/ Politica

Politica | 21 dicembre 2020, 10:28

Enrico Costa “Se lo Stato ti ha processato ingiustamente ora dovrà pagare”

L’emendamento del parlamentare monregalese di Azione, approvato all’unanimità in Commissione Bilancio, rappresenta un fatto inedito e una risposta di civiltà giuridica

Enrico Costa “Se lo Stato ti ha processato ingiustamente ora dovrà pagare”

Coloro che sono stati assolti con formula piena al termine di un iter giudiziario che li ha visti sul banco degli imputati d’ora in poi avranno diritto ad un risarcimento. Il budget annuale è stato stabilito in 8 milioni di euro e il limite massimo del rimborso fissato in 10 mila e 500 euro.

Una cifra non elevata rispetto alle spese sostenute da tanti imputati risultati poi innocenti, ma comunque sempre meglio di nulla.

Lo ha stabilito un emendamento presentato dal parlamentare monregalese di Azione Enrico Costa e sottoscritto dai colleghi deputati Lucia Annibali (Italia Viva) e Maurizio Lupi (Noi con l’Italia).

 

On. Costa ci spieghi in parole semplici, comprensibili a tutti, di che cosa si tratta?

“Sabato in Commissione Bilancio è stato approvato all'unanimità un emendamento di “Azione” che afferma un importantissimo principio di civiltà giuridica: se lo Stato ti ha processato e tu ne sei uscito pulito lo Stato si farà carico delle spese che tu hai sostenuto per difenderti”.

 

Un’affermazione di principio e di buon senso che per anni non è mai stata affermata…

“È un principio che rappresenta la nostra linea politica: meno ideologia più buon senso. Oggi, in Italia, chi riesce a dimostrare la propria assoluta estraneità al reato o l’insussistenza di qualunque fatto di rilevanza penale, non solo deve sopportare il peso del processo (che di per se è una pena), ma anche quello delle spese necessarie per difendersi. E questo non è giusto”.

 

Che succederà d’ora in poi?

“Con l’approvazione di questo emendamento lo Stato dovrà prendere atto,  con un risarcimento concreto, che  la vita di molte persone è rovinata da processi che finiscono nel nulla. Si tratta di un importante passo di civiltà giuridica”.

 

La giustizia, nella lotta politica, è stata spesso usata come arma per colpire gli avversari. Forse si comincia a riflettere sull’uso improprio che negli anni ne è stato fatto. Che ne pensa?   

“Ottenere l’unanimità su una proposta in tema di giustizia è del tutto inedito. Significa che si tratta di una norma non ideologica, ma di puro buonsenso”

 

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium